Dal Google Nexus 6 al Galaxy S6: Sundar Pichai svela i piani di Google

Dopo il Mobile World Congress, presentazione smartphone o device a parte, il secondo evento più atteso dell’anno è il Google I/O nel mese di giugno. Si pensava, quindi, che l’azienda del famoso motore di ricerca non sarebbe stato presente al Mobile World Congress se non come brand di alcuni prodotti.

Non è stato così, Sundar Pichai, a capo dello sviluppo di Google Android, è intevenuto e in dialogo con i giornalisti ha rilasciato importanti dichiarazioni e ha parlato ad esempio della nascita di Google Nexus 6, dei rapporti con Samsung e dello sviluppo di Android e Galaxy S6.

Google Nexus 6

La prima notizia che ha interessato tutti riguarda il futuro Nexus 6 di cui Sundar Pichai ha annunciato il lancio che però non avverrà nei prossimi mesi, il chief ha parlato di un rilascio per la seconda parte dell’anno.

Dopo aver parlato di Google Nexus 6, Sundar Pichai ha commentato la collaborazione con Samsung e la struttura dei Galaxy S6. Samsung sta sperimentando e investendo su un nuovo sistema operativo, il Tizen, ma le fonti vicine alla casa coreana sanno che questa collaborazione non porterà all’abbandono completo di Google Android, anzi si studieranno dei sistemi operativi ibridi.

Tizen è ancora troppo giovane per essere un sistema operativo completamente mobile e a tal propostio, dopo aver disapprovato la scelta di non installare Android sui due Gear 2 e Fit, ha affermato che Galaxy S6 porterà ancora Android come sistema operativo.

Sundar Pichai ha parlato dei sistemi di sicurezza Android, i prodotti che supportano tale SO sono oggetti di attacchi informatici e virus. Android, ha riferito Pichai, è stato progettato per essere sicuro ma l’obiettivo primario era quello di creare un sistemo operativo libero. “Quando si parla di 90% di malware per Android si deve ovviamente tener conto del fatto che è il sistema operativo più usato al mondo. Se avessi una società dedicata al malware, attaccherei anche io Android”. 

Fonte: Phone Dog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *