Google smartwach: saranno queste le specifiche tecniche?

Google smartwach è probabilmente il nuovo progetto di Google che gira in silenzio alle spalle dell’ormai chiacchieratissimo Ara che è stato presentato ad anche una conferenza ufficiale, ma ne abbiamo già parlato in questo articolo.

google smartwach

E’ da un po’ di tempo che si vocifera di Google smartwach: probabilmente sarà un progetto rivoluzionario, almeno da quel che si dice. Ieri sera, comunque, Artem Russakovskii che è il fondatore di AndroidPolice.com ha pubblicato sulla sua pagina di Google Plus un interessante rumors sul presunto Google Smartwach che è atteso per il prossimo Google I/O.

Questa notizia ha creato subito molto scalpore in tutti gli appassionati di tecnologia, ma, Artem oltre a questo ha ammesso che questo dispositivo sarà anche prodotto da LG, e questa notizia non ci sconvolge per niente dato che LG per quanto riguarda i dispositivi indossabili ancora non ha fatto nulla, e data la partner che ha con Google per quanto riguarda i prodotti Nexus sarà davvero molto interessante vedere come LG e Google si mettono al lavoro su questo nuovo smartwach.

Scheda tecnica di Google smartwach

Artem oltre a questo afferma anche una scheda tecnica, ma, quest’ultima, è la scheda tecnica di un prodotto già esistente ma di cui nessuno da l’esistenza, lo ha chiamato “prototipo” del 2013, questo ci fa capire che queste caratteristiche saranno in costante mutamento.

La scheda tecnica comunque comprende un processore Qualcomm APQ8026, un display Touchscreen da 1,65 pollici IPS LCD con una risoluzione che ancora non definita (si parla di 240 e 275 dpi). La batteria è da 400mAh, il bluetooth è 4.0, la memoria ROM è di 4GB, quella RAM invece è di 1GB.

Oltre a questa scheda tecnica il presunto Google smartwach (o prototipo del 2013) integra anche un microfono (probabilmente sarà lanciata una versione di Hangout fatta a posta), un sensore da 9 assi e un dispositivo chiamato Haptic Feedback.

A nessun dispiacerebbe vedere uno smartwach creato da LG e Google, dato che è una delle poche case che ancora non ne ha prodotto uno, ci aspettiamo grandi cose, possiamo sperare in bene.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *