Guerra di brevetti tra Samsung e Apple: di nuovo in aula da lunedì

Nuovi device, nuove rivalità e non solo sul piano delle vendite, la guerra dei brevetti tra Samsung e Apple non finisce mai e questa volta si finisce in tribunale per le nuove applicazioni tablet.

Lunedì, Samsung e Apple si confronteranno in tribunale per l’ultimo processo che riguarda i modelli del 2012. Anche in zona Silicon Valley si è aperta una procedura giudiziaria tra le due, Apple e Samsung si accusano a vicenda su disegni e caratteristiche.

Samsung contro apple

L’ultimo scontro nella guerra dei brevetti tra Samsung e Apple aveva visto la prima accusata di violazione di alcuni brevetti Apple, la giuria federale accusò l’azienda coreana di riprodurre alcune caratteristiche dei melafonini in zona estera. Questo primo scontro fra Samsung e Apple si concluse con il pagamento di un risarcimento di 900 milioni di dollari per Apple e pur continuando a vendere prodotti che utilizzavano la tecnologia incriminata.

Sono processi lunghi e e difficili, la lentezza dei tribunali statunitensi porta di nuovo le due rivali di brevetti, Samsung e Apple, davanti ad una giuria lunedì e questa volta per i prodotti del 2012 e 2013. Apple INC, accusa Samsung di violare cinque brevetti sui nuovi dispositivi. I modelli incriminati sono alcuni smartphone Galaxy e i Tablet. A questa accusa, Samsung ribatte che Apple ha rubato due delle sue idee che vengono adesso utilizzate su iPhone e iPad.

In un post Fosspatents.com, l’esperto di brevetti e proprietà intellettuale Floria Mueller ha commentato questa plurimilionaria battaglia fra le due grandi rivali, Samsung e Apple. Le parti hanno cercato di co,pire i prodotti migliori dell’altr e i più recenti, negli Stati Un iti un contenzioso sui brevetti è lento ed è per questo motivo che ancora nel 2014 si discute ancora a livello processuale dei prodotti del 2012 e pre 2012. Finora è stata Samsung a pagare lo sconto di questo confronto, ma la denuncia presentata da parte del produttore sudcoreano potrebbe causare una richiesta di risarcimento molto più alta.

Fonte: TherePublic e Times Of Oman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *