L’utilizzo dello smartphone prima di dormire rovina il sonno!

E’ stato dimostrato da molteplici studi che l’utilizzo di tablet o dispositivi come lo smartphone prima di dormire, stando comodamente sdraiati sotto le lenzuola, non favorisca una buona qualità del sonno.

Questo perchè il ritmo sonno-veglia è regolato dalla melatonina, una sostanza che tutti abbiamo che viene prodotta da una ghiandola alla base del cervello, e che purtroppo subisce sensibilmente le variazioni dovute a stress, condizioni ambientali, stati d’animo positivi e negativi,  e molto altro. smartphone_a_letto Sembrerebbe che l’uso di display luminosi fino a due ore prima di andare a dormire può diminuire del 22% la produzione di melatonina, che si attiva, appunto, solo al buio.

Aggiungiamo infine che l’utilizzo di dispositivi mobile crea una certa fonte di eccitazione, seppur minima, che va ad influire negativamente sul ritmo del sonno.

Ad oggi gli studi svolti da Big Brand Beds, un rivenditore del Regno Unito di grossi marchi di letti, segnalano numeri allarmanti:  il 95% dei giovani (18-29 anni) dorme con il cellulare sul comodino e lo utilizza prima di addormentarsi; il 25% non spegne la suoneria ed il 50% delle persone che si svegliano di notte, guardano lo smartphone.

In base a fonti pervenute dall’americana National Sleep Foundation, il 60% delle persone intervistate tra i 13 e i 64 anni ha problemi ad addormentarsi, ed il 63% degli stessi dichiara di non dormire abbastanza a lungo.

Purtroppo i disturbi del sonno prolungati portano ad obesità, malattie cardiache, diabete e depressione. Utilizzando il nostro amato smartphone già tutto il giorno, magari a letto leggiamoci un buon libro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *