Xiaomi Mi3s: Snapdragon 801 e 3GB di RAM

Xiaomi Mi3s sarà il futuro dispositivo di casa Xiaomi, la marca cinese molto conosciuta per la sua ottima interfaccia grafia delle sue ROM: la miui, interfaccia che ha avuto molto successo dato che è graficamente molto curata.

Xiaomi Mi3s

Come tutti sappiamo il precedente Xiaomi Mi3 ha avuto molto successo per quanto riguarda gli users più geek di Android: un telefono cinese con uno schermo davvero spettacolare ad un prezzo davvero molto abbordabile (vi consigliamo di vedere l’articolo che abbiamo trattato in un nostro editoriale).

Probabilmente Xiaomi Mi3s seguirà la stessa filosofia del fratello maggiore, ma oltre a questo Xiaomi annuncia anche che all’interno, o meglio, all’esterno, quindi stiamo parlando praticamente di scocca, ci sia molto più metallo; questo ci fa pensare a dei materiali molto più pregiati rispetto al solito, dato che nel precedente Xiaomi Mi3 la rifinitura esterna era praticamente fino metello, di fatto era plastica.

Scheda tecnica Xiaomi Mi3s

La scheda tecnica di Xiaomi Mi3s è sicuramente al top: di fatto il processore che troviamo all’interno di questo “mostro di potenza” è uno Snapdragon 801, affiancato alla solita GPU Adreno 330, abbiamo ben 3GB di memoria RAM, abbiamo LTE e il display dovrebbe essere 5 pollici full HD con tecnologia IPS.

Il reparto multimediale dovrebbe essere composto da una fotocamera da 13 megapixel e probabilmente il sensore è lo stesso  del precedente Mi3.

Ovviamente, come da tradizione Xiaomi il prezzo sarà molto concorrenziale: di fatto questo dispositivo probabilmente costerà 233 euro (tasse escluse) e la cosa ancora più interessante è che probabilmente sarà anche il primo Xiaomi top di gamma ad essere distribuito fuori dalla Cina, cosa davvero interessante tenendo conto del fatto che questi dispositivi vengono comprati online da venditori non ufficiali Xiaomi perchè sono telefoni di nicchia, di conseguenza per veri Geek o smanettoni.

L’ottimo rapporto qualità/prezzo di Xiaomi Mi3s probabilmente riuscirà a farlo emergere ancora da questo mercato davvero molto “complicato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *