Calo di vendite alla Apple Store per “mancanza di novità”

Calo di vendite alla Apple Store: Charlie Wolf, famoso analista della Needham, ha inviato agli investitori un dato che riflette quello che molti di noi abbiamo sicuramente notato: è trascorso un lungo periodo senza novità marchiate Apple, il quale provoca che le vendite della Apple Store diminuiscano, anche se di poco. É semplice: la gente è consapevole che molto presto ci saranno numerose novità e quindi preferisce aspettare.

La possibilità di comperare l’iPhone anche in altri distributori autorizzati e in molti altri negozi svia i possibili clienti, fenomeno che è già successo quando per esempio Apple decise di delegare ai distributori autorizzati e piccoli negozi le vendite degli iPod. Ma stiamo tranquilli: non siamo alla fine del ciclo vitale di iPhone e compagnia bella. É solo che l’utente medio preferisce tenersi i soldi risparmiati e aspettare qualche mese per comperare i nuovi prodotti freschi che usciranno a breve.

applestore

Senza discutere l’agenda di lancio dei prodotti Apple, notiamo che durante gli ultimi anni si è creato un buco enorme di “siccità” che va da ottobre-novembre fino a giugno-luglio dell’anno successivo. In quel periodo la competenza avanza nelle classifiche di vendita e i prodotti di Cupertino perdono molti colpi. Forse la soluzione migliore sarebbe quella di distribuire i vari lanci di prodotti durante l’anno così da non restare troppo tempo senza novità.

Come ulteriore conferma dell’analisi di Wolf, ricordiamo che il WWDC 2014, che si terrà dal 2 al 6 giugno, porterà tante novità sugli scaffali della Apple Store.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *