Cyber Attacco iPhone: ecco le testimonianze di chi ha subito il blocco Oleg Pliss

Cyber Attacco iPhone, arriva dall’Australia il pericolo e in Europa si è verificato intanto in Inghilterra. Ecco le testimonianze di chi ha vissuto il blocco con ricatto e le segnalazioni degli organi di competenza.

Il Cyber Attacco iPhone blocca il dispositivo richiedendo al malcapitato un riscatto che costa dai 50 ai 100 euro. Nel sito governativo australiano si legge la raccomandazione di non pagare il riscatto e di cambiare per precauzione la password dell’ID, la stessa che si usa per accedere alle funzioni di iCloud e Trova il mio iPhone.

oleg-pliss-apple-ios-mac

Nel mirino del Cyber attacco Apple i dispositivi di ultima gamma, quindi iPhone e iPad. In pratica, il display viene oscurato improvvisamente con un messaggio firmato da “Oleg Pliss” che chiede di versare tra i cinquanta e i cento euro su Paypal. Da Dayli Telegraph vengono riportate alcune testimonianze. Ad esempio l’utente Melbourne racconta “ho preso il mio telefono e sul display c’era scritto che era bloccato da un certo Oleg Pliss“.

“Mi chiedeva 100 euro – continua il proprietario che ha subito il cyber attacco iPhone – su un indirizzo Paypal per poter riprendere il controllo del dispositivo. Non ho idea di come sia potuto succedere, non credo di aver preso alcun virus, anche se di recente ho acquistato alcune applicazioni”. Stesso racconto proviene dall’Inghilterra dove l’utente dice di aver sibito lo stesso cyber attacco Apple. “Sono molto preoccupato” racconta “ho subito cambiato la password, ma è davvero inquietante”.

iphone-locked-oleg-pliss

Al momento in Italia non si sono verificati attacchi, da Apple si attendono notizie ufficiali, i dirigenti stanno però monitorando l’accaduto, dal sito governativo australiano “Stay Smart Online” si legge un avviso che chiede alle vittime del Cyber Attacco Apple di no pagare il riscatto e attendere la risposta degli organi di sicurezza digitale. Gli utenti vengono invitanti anche da Apple stessa di cambiare la password dell’ID, la stessa che si usa per accedere a iCloud o a Trova il mio iPhone.

Fonte Agi e WP

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *