IBM Watson, il supercomputer intelligente che rivoluzionerà il mondo

Computer IBM Watson, si parla di una nuova era informatica, di un’evoluzione dell’interazione uomo macchina, i cellulari interagiscono tramite riconoscimento vocale alle domande fatte dal proprietario, anche per le automobili è stato inserito questa innovazione (vedi ad esempio la Mini Rover) e adesso arriva Watson che oltre a rispondere ragiona pure.

Supercomputer IBM Watson, non dobbiamo stupirci del nome, è stato scelto un personaggio degno di nota della letteratura moderna, l’uomo è sempre il protagonista, mentre il nuovo computer sarà il fedele assistente.

 

Il computer IBM Watson sarà presentato a Los Angeles, alcuni video introduttivi spiegano il funzionamento della nuova modalità di interazione uomo macchina, una tecnologia che potrà essere applicata anche ai device visto che la frontiera informatica si chiama Tablet più che notebook e netbook.

Il computer IBM Watson nasce dalla collaborazione tra la nota società e l’Institute For Culinary Education di New York. Il computer era nato con un’elaborazione di un database di ricette e erano stati anche inseriti elementi di scienza alimentare e chimica. Questi elementi hanno permesso di creare un insieme di interazioni e un più facile collegamento con l’uso umano.

ibm-watson

Mike Rhodin è il vicepresidente di IBM e ha spiegato: “”Watson è un sistema cognitivo che in futuro aiuterà le aziende di tutte le dimensioni, grandi e piccole come le Pmi italiane, nell’elaborazione di grandi quantità di dati provenienti dal cloud, dai big data e dai social consentendo a tutte le imprese di trovare risposte, anche da apparecchi mobili, a domande complesse”. A

questa spiegazione il Vicepresidente di ricerca John Kelly ha aggiunto:”il computer sia in grado non solo di rispondere a una domanda complessa, ma di comprendere il contesto relativo a un argomento, analizzare in profondità molti dati ed elaborare, usando il libero arbitrio, una teoria appropriata senza nessun intervento umano”.

Fonte: IBM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *