L’antivirus è morto: Symantec mette fuori produzione Norton

L’ antivirus è morto, è la frase che gira intorno al produttore Symantec di Norton che ha comunicato in una lunga nota un cambiamento di strategia.

Con la frase “l’ antivirus è morto“, il vicepresidente di Symantec, Brian Dye, intende spiegare che è un obbligo aggiornare i sistemi di protezione dei computer e dei device, non basta più il semplice anti malware, trojan o altre tipologie di attacco visto che oggi la maggior minaccia deriva dalle navigazioni cloud, dagli SSL e dai bug che in questi giorni hanno fatto scalpore.

php1m6uqa

Il cambio di strategia annunciato dal Vicepresidente Symantec parte da un insieme di dati analizzati e che confermano l’assunto appena dichiarato, “l’ antivirus è morto“. I dati infatti riportano che i sistemi Symantec non riescano più a bloccare l’offensiva delle minacce come una volta, la soglia di successo è scela al 45%. Occorre dare per scontato, rivela il vicesenior, che in qualche modo i malintenzionati riescano a passare e che sia quindi necessario lavorare per individuarli e minizzarne le possibilità di recare danno.

Il cambio di strategia di Symantec sicuramente porta ad un grosso cambiamento, la fine del prodotto Norton, il noto antivirus associato ai prodotti Microsoft che era stato superato da sistemi simili gratuiti e più leggeri.

Il cambio di strategia Symantec e la riflessione sul “fuori moda” degli antivirus porta la famosa società anche ad un altro assunto, “non pensiamo all’antivirus come una fonte di guadagno” e questo porterebbe i successivi prodotti per la sicurezza informativa ad aggiornarsi rispetto ad un sistema digitale libero oltre che ad un senso tecnico che dovrà essere nei prossimi giorni brevettato.

symantec-640x330

Che tipo di antivirus metterà a disposizione Symantec al posto del suo famoso e storico Norton? Leggendo Wall Street Journal e lo stesso sito di riferimento aziendale leggiamo che verranno messe in atto diverse strategie. Si lavora sul livello delle linee integrate ATP, sui codici SSL paralleli, su un sistema di distrazione cracker attivato su Firewell e insomma, una serie di sistemi e strategie evolute.

Quello che si percepisce è che per la produzione di un nuovo e moderno sistema Antivirus, Symantec si allea ad importanti realtà del settore, lo scopo è quello di portare alla nascita di un prodotto flessibile che accontenti sia i privati che le impresse e possibilmente gratuito. Quest’ultimo punto rimane sempre sulla domanda perché sappiamo che i prodotti di protezione informatica hanno sempre una soluzione gratuita di base e una soluzione premium o speciale a pagamento e qui entriamo nel discorso del sistema libero o meno dei prodotti informatici e web, tenendo conto che la ricerca di soluzioni mette al lavoro diverse competenze e professionisti che si dividono tra passione, interesse e professione. Voi come proteggete i vostri sistemi informatici?

Fonte: Poket Link e Symantec

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *