Apple team marketing: ci sarebbero più di 1000 neoassunti

Apple team marketing: ci sarebbero più di 1000 neoassunti – Apple vorrebbe tagliare tutti i ponti con aziende esterne e incaricarsi lei stessa delle sue pubblicità e i suoi annunci che promuovono i dispositivi Apple. Questo è quello che è successo con la compagnia esterna TBWA. Ora, secondo AdAge, I ragazzi di Cupertino, stanno assumendo una grande quantità di specialisti in marketing e pubblicità. Secondo alcune prime voci di corridoio i neo-assunti sarebbero dovuti essere da 300 a 600 ma ora si parla di cifre che arrivano facilmente al migliaio.

 

apple pubblicità

 

 

Le voci di corridoio arrivano da “fonti autorevoli” e, anche se ci sembra quasi assurdo che Apple abbia assunto un così alto numero di specialisti in marketing, forse Apple vuole davvero puntare molto sulla visibilità e il richiamo grazie alle pubblicità. Gli specialisti, sarebbero dei “veterani” con pluriennale esperienza nel settore e per averli, Apple, sarebbe disposta anche a “sottrarli” a delle aziende famose in tutto il mondo.

Apple sarebbe corsa ai ripari in seguito a delle numerose critiche, che danno Apple per “spacciata”, visto che avrebbe perso la sua creatività. C’è da sottolineare anche che molti di questi “veterani” sono dubbiosi per quanto riguarda un possibile futuro impiego a Cupertino. Forse questo è dovuto anche perché si sentirebbero sotto pressione, si tratta pur sempre di Apple, e poi perché la vita a Cupertino è molto cara. Ma forse queste sono delle semplici scuse per avere un aumento sulla parcella.

Apple si è da sempre caratterizzata per gli annunci pubblicitari e per gli spot televisivi, oltre che al design e la qualità dei suoi prodotti, ovvio. In molti credono che il famoso “ritorno alle scene” di Apple del 2001 sia dovuto anche alla campagna pubblicitaria (si veda l’immagine). Quindi staremo a vedere come si svilupperà la campagna pubblicitaria per i nuovi prodotti in arrivo.

FONTE

Se ti interessa sapere quali sono i prodotti Apple per quest’anno ti invitiamo a leggere i seguenti articoli:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *