Attenzione aggiornate gli antivirus contro Gozeus e Cryptlocker, nuovo cyber attacco

Attenzione aggiornate gli antivirus. La cronaca informatica di questi giorni è piena di notizie di virus e attacchi a computer e sistemi sempre più diffusi, il nuovo cyberattacco questa volta potrebbe venire dalla Gran Bretagna. L’agenzia anticrimine inglese ha avvisato pubblicamente tutti gli utenti di computer presenti nel paese di aggiornare i sistemi antivirus, entro due settimane si teme un nuovo cyberattacco, un tentativo di rubare dati personali attraverso un programma infetto.

La NCA, National Crime Agency è al lavoro da tempo per monitorare la situazione di sicurezza informatica Britannica, il nuovo cyberattacco prevede l’uso di un virus informatico chiamato Gozeus, quando infetta il computer installa nel sistema del malcapitato una funzione chiamata “Cryptolocker“. Questo nuovo cyberattacco ha più o meno le stesse caratteristiche del virus iPhone austriaco, quindi viene bloccato il computer e richiesto un riscatto per tornare ad usare liberamente il proprio sistema. Gli addetti alla sicurezza inglese non vogliono mandare messaggi di non pagamento dopo, come è avvenuto in Austrialia, ma prevenire e per questo viene lanciato l’allarme “Attenzione aggiornate gli antivirus“.

NoPigrizia_LOGO11-288x305

Ecco alcune note importanti per difenderi dal temuto cyberattacco in arrivo.

“Diverse segnalazioni concernenti software nocivi del tipo «Cryptolocker» sono giunte allo “Sportello dei Diritti”. Contemporaneamente altro allerta riguarda la Gran Bretagna che ha “due settimane” di tempo per proteggere i suoi computer da un nuovo cyberattacco condotto dagli hacker che hanno creato un nuovo virus in grado di sottrarre informazioni sensibili dai pc e di bloccarli, causando danni per milioni di sterline. L’allarme è stato lanciato sul sito della National Crime Agency (Nca), l’agenzia anticrimine del Regno Unito, che ha avvertito tutti gli utenti di aggiornare i propri sistemi antivirus per evitare di finire ‘infettatì. Un’operazione congiunta delle autorità di molti Paesi, tra cui l’americana Fbi, aveva portato allo smantellamento di una Botnet, ossia una rete di pc ‘zombie’, in grado di colpire ben 500mila-1 milione di computer nel mondo. Ma secondo l’agenzia britannica è solo questione di tempo, e il virus informatico ‘Gozeus’, in grado di ‘rubare’ dati sensibili e installare il programma malevolo ‘Cryptolocker’ capace di bloccare il pc e chiedere un riscatto. Il “virus”, che si diffonde tramite allegati e-mail e pagine Internet appositamente preparate, una volta installato cripta i file che si trovano sul computer (ad es. documenti Excel o Word). La vittima vedrà in seguito comparire un messaggio sullo schermo nel quale annuncia il pagamento di una somma di denaro, di solito 100 euro, in cambio della chiave per poter ripristinare i file. Si tratta di non solo di reati specifici quale accesso abusivo ad un sistema informatico, appropriazione indebita e dei veri e propri tentativi di truffa, ma anche di estorsione, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, da denunciare all’autorità giudiziaria per il tramite della polizia postale”.

Ed infine ecco la raccomandazione: attenzione, aggiornate gli antivirus.

Diversi prodotti antivirus possono trovare e distruggere il software nocivo, ma spesso è troppo tardi, perché i file che si trovano sul computer sono già stati cifrati. Perciò il problema non è tanto la rimozione del software nocivo quanto il ripristino dei dati originali. Per il momento sembra non esistere un metodo per decodificare i dati senza la chiave, nota solo ai truffatori. Ciononostante gli esperti sconsigliano di assecondare le richieste di pagamento. Non vi è nessuna garanzia che i criminali mantengano la parola e inviino la chiave necessaria per decodificare i file. Per contrastare i malfattori si raccomanda di copiare regolarmente i dati salvati sul computer su supporti dati esterni (backup), di aggiornare sempre il sistema operativo e le applicazioni installate (ad es. Adobe Reader, Adobe Flash, Sun Java, ecc.) nonché i sistemi antivirus e il firewall personale. Se si ricevono e-mail inaspettate o che provengono da mittenti sconosciuti, bisogna ignorare le indicazioni, non aprire allegati o link.
In caso di infezione occorre disconnettere subito il computer da tutte le reti e procedere ad una disinfezione. Si raccomanda di reinstallare il sistema e cambiare tutte le password. Dopo aver eseguito queste misure sarà possibile ripristinare i dati (se disponibili) grazie al backup effettuato in precedenza.

Fonte: Informazione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *