Project Tango: ecco un nuovo video che racconta la sua storia

Project Tango è sicuramente uno dei progetti più ambiziosi di casa Google, una strada che apre a nuovi orizzonti che negli ultimi mesi si è sviluppata sempre più grazie agli avanzamenti tecnologici che abbiamo avuto durante questi mesi.

Project Tango

Project Tango ha lo scopo di analizzare e concepire gli spazi che sono attorno a noi grazie a sofisticati algoritmi integrati sia nello smartphone e nel tablet e questo è grazie anche alla presenza di innumerevoli fotocamere che sono presenti sul dispositivo stesso.

Oltre a questo abbiamo anche molti sensori che sono presenti sul dispositivo proprio per captare tutto ciò che circonda dalla posizione in cui è impostato il dispositivo stesso.

In questi mesi (ne sono passati ben 18 da quando si iniziò a parlare di questo importante dispositivo) Project Tango ha visto davvero dei miglioramenti molto interessanti, e oggi è la stessa Google a pubblicare un video su YouTube proprio per raccontare com’è andata la storia di questo progetto, un progetto innovativo e davvero molto interessante.

Leggi anche: Project Tango: ecco nuovi dettagli sul funzionamento

Questo Project Tango potrebbe essere impegnato per la consegne dei prodotti a casa con i droni, in megafabbriche pilotate da Robot, insomma, questo dispositivo, o meglio questo progetto potrebbe essere utilizzato in davvero moltissimi ambiti.

Abbiamo anche la possibilità di effettuare scansioni 3D e questo è ancora un punto a favore per questo dispositivo, davvero molto completo in molteplici aspetti.

Per il momento tutto questo è ancora sperimentale, ma se vogliamo fare un salto nel passato e vedere com’è nato questo dispositivo di casa Google, o meglio questo progetto, davvero molto interessante e che sicuramente sarà d’aiuto anche alle macchine di Google Maps che girano sempre nei nostri paesi per aggiornare le mappe di Google.

Brava Google, complimenti per aver pensato a qualcosa di innovativo.

Ecco il video che è stato caricato un paio d’ore fa:

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *