Bug iCloud: ora è facile sbloccare i dispositivi rubati

Bug iCloud: ora è facile sbloccare i dispositivi rubati – Un team di hackers olandesi e marocchini, gli ormai famosi Doulci, sono riusciti a bypassare la sicurezza di iCloud. Fin qui, molti non si preoccuperebbero minimamente, anche perché molti utenti limitano l’utilizzo di iCloud per custodire foto e musica. La cosa cambia quando diciamo che bypassando il blocco di iCloud si riesce anche a sbloccare un dispositivo Apple rubato.

Questa notizia, è stata diffusa dal quotidiano olandese De Telegraaf e in questa racconta che degli hackers, sotto il nome AquaXetine e Merruktechnolog, sono riusciti a spezzare la sicurezza di iCloud e quindi sbloccare un iPhone bloccato dopo essere stato rubato. Grandiosi no?

Bug iCloud: ora è facile sbloccare i dispositivi rubati

Quando un dispositivo Apple, come iPhone e iPad viene rubato, entra in scena iCloud che riesce a bloccare a distanza il dispositivo rubato con la funzione Trova il mio iPhone o Trova il mio iPad e Activation Switch. Secondo il quotidiano prima citato, negli ultimi giorni 30.000 dispositivi mobili Apple rubati sono stati sbloccati bypassando la sicurezza di iCloud. Questi dispositivi sono poi venduti più tardi in internet e il negozio sembra davvero proficuo. C’è da dire que questo bug è la fortuna di molti delinquenti.

Gli acquirenti che comprano in massa questi dispositivi rubati e sbloccati, sono quasi sempre cinesi. Questi ultimi, li comprano tra i 50 e 150 dollari, rivendendoli poi a un prezzo che oscilla tra i 450 e 700 dollari. Questo bug genera quindi dei negozi illegali che interessano tutto il mondo. Si parte da Olanda e Marocco per poi finire in Cina. Sicuramente a Cupertino i ragazzi di Apple si stanno facendo in quattro, lavorando giorno e notte, col fine di risolvere questo bug. Non ci resta quindi di aspettare il rilascio di iOS 8 per vedere come andranno a finire le cose.

E cosa pensate voi? Secondo voi questo bug fomenta il furto di dispositivi Apple?

FONTE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *