I futuri iPhone ancora più sicuri grazie ad un nuovo brevetto

Apple è attenta all’innovazione non solo per quanto attiene le funzioni che fungono da utility per gli utenti, ma anche quando si tratta di sicurezza dei propri device e di chi li utilizza. Un nuovo brevetto va proprio in quest’ultima direzione, Apple ha lavorato ad una nuova funzione che permette di rendere i futuri iPhone più sicuri, essi infatti immagazzineranno dati di uso relativi al proprietario, e saranno in grado di segnalare quando vengono usati da terzi, prevenendo così furti e accessi indesiderati.

Si tratta di una tecnologia sofisticata pensata da Apple per i futuri dispositivi iOS, che è stata depositata in un brevetto che prende il nome di “Generating notifications based on user behavior” e prevede che il dispositivo riuscirà a interpretare i vari elementi di uso giorno per giorno del proprietario e metterli insieme per creare un profilo dello stesso.

Apple-brevetto-sicurezza

Ogni volta che il modo di utilizzo si distanzia dal modello che viene creato sul profilo del padrone del device, l’iPhone potrà auto bloccarsi, e richiedere per il successivo utilizzo una password o un diverso metodo di identificazione, come il Touch ID, segnalando anche quanto sta accadendo ad un numero o persona di fiducia pre-impostato in precedenza.

Una volta che vengono stabilite queste modalità consuete di utilizzo che costituiscono il modello, tali dati vengono immagazzinati su un server sicuro Apple, in modo tale che possono essere consultate in maniera veloce dal device. Insomma tempi sempre più difficili per ladri e curiosi che tentano di rubare o accedere ai futuri dispositivi Apple.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *