Jailbreak Pangu: C’è davvero un malware al suo interno?

Jailbreak Pangu: C’è davvero un malware al suo interno? Dopo il rilascio dell’ultimissimo Jailbreak per le versioni di iOS 7.1.1 e 7.1.2, create dal team di hacker Pangu, si è sollevato un vero e proprio polverone in rete, dovuto ad una serie di frecciatine lanciate dagli hacker già molto conosciuti in tema Jailbreak. Il problema è che ci sono tutte le carte in regola per negare le accuse mosse da questi hacker. Che siano solo attacchi di “gelosia” nei confronti del nuovo arrivato?

Il Jailbreak Pangu è stato criticato un po’ da tutti, ma ad aprire le danze è stato il celebre hacker i0n1c, uno dei pionieri della storia dei jailbreak iOS, che invece di lodare il team cinese Pangu, ha mosso pesanti accuse secondo le quali il team cinese ha rubato dai soliti team degli exploit per prendersi il merito del lavoro.

 

Jailbreak Pangu

 

L’accusa di Stefan Esser, è però tra le più leggere, in quanto in giro si sono subito create voci che parlano di un malware nascosto all’interno del codice del software di sblocco, che può causare gravi danni nei device degli utenti.

Vogliamo subito rassicurare gli utenti affermando che fino ad ora non è nota nessuna minaccia all’interno di questo jailbreak e che nessun report è stato fatto segnalando problemi di malware nel codice del software.

Gli unici effetti negativi, che probabilmente non sono legati neanche al codice del team cinese, ma forse legati proprio alla reazione dell’ultima versione di iOS alla procedura di jailbreak, che quindi va solo affinata con il tempo, sono legati alla durata della batteria leggermente ridotta su alcuni device. Se qualcuno di voi ha esperienze a riguardo, può farcelo sapere nello spazio commenti!

 

Fonte: OptimaItalia

2 commenti

RSS Feed
  1. MarioF@RRIS.info

    Con questo Jailbreak effettuato sul mio ipad 4 mi è apparso da Cydia un popup bianco che “suggeriva” di connettermi ad un determinato indirizzo per scaricare un antivirus, in quanto il mio device risultava contaminato… cosa che ovviamente non ho fatto e ha comportato l’immediato ripristino del mio ipad.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *