Privacy Android: con Gingerbread e Honeycomb è a rischio

Privacy Android: con Gingerbread e Honeycomb è a rischio. La falla della privacy sui sistemi Android è stata rilevata dall’EFF (Electronic Frontier Foundation) e sembra essere legata alle funzionalità WiFi dei device . A quanto pare, la nuova funzionalità era stata introdotta in Honeycomb, in rete si parla anche di alcuni rischi per Gingerbread e per le versioni più recenti di Android.

Ma andiamo con calma. L’ente sopracitato ha denunciato una potenziale falla della privacy Android, legata alla funzione Preferred Network Offload (PNO) che si occupa di tenere in memoria le reti WiFi a cui il device si è connesso fin dalla sua prima connessione. Fin qui nulla di strano, ed ammettiamolo, la possibilità di avere tutte le reti già in memoria in maniera tale da avere una connessione automatica del dispositivo in luoghi già frequentati, ci alletta tutti.

Il problema sembra invece essere nella fase di standby del device. Come saprete, il nostro device Android, ha la capacità di mantenere la connessione WiFi attiva anche durante le fasi di standby del device, per continuare a ricevere notifiche, scaricare aggiornamenti e mail, scaricare file, sincronizzare ecc.. e questo ci è molto utile.

Privacy Android

 

Sembra però che durante la fase di standby il device continui a trasmettere in chiaro queste informazioni, alla continua ricerca di una rete a cui connettersi. Dunque se i nomi delle WiFi a cui ci siamo connessi, sono molto esplicativi, allora chiunque rintracciasse questi dati, saprebbe tutti i luoghi da noi visitati, e con un pizzico di fortuna potrebbe anche risalire al quando li abbiamo visitati.

Google informa di aver iniziato subito le ricerche di una soluzione a questa falla, ma il rischio di non poter aggiornare facilmente vecchi device, potrebbe essere concreto e costringere gli utenti interessati ad evitare questo problema, a disattivare la funzionalità che mantiene il device connesso in deep sleep, oppure di far “dimenticare” al device manualmente tutte le reti a cui si connette, tranne magari la rete di casa o dell’ufficio, che utilizziamo più spesso.

Se invece il problema non vi tocca, potete continuare a dormire sogni tranquilli, non rischiate phishing,virus e truffe varie, quindi se non sentite la necessità di disattivare questa funzione solo per questo problema, non siete obbligati a farlo.

 
Fonte: MacityNet
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *