Sicurezza smartphone: il Ceo di BlackBerry critica l’unione Samsung Knox e Android L

Sicurezza smartphone. Il Ceo di BlackBerry commenta la decisione di Google di intergrare Samsung Knox in Android L.

Samsung Knox è un sistema di sicurezza smartphone creato dal Colosso coreano per i suoi modelli top gamma device. Si tratta in sostanza di una sorta di cassa forte interna al sistema, un SO paralleto inaccessibile dall’esterno. Durante il Google i/o, Sundar Pichai ha detto che nel sistema Android sarebbe stato inserito questa funzione con un nome diverso, ma in sostanza si tratta di Samsung Knox.

anonymouswearelegion-519315374-100010222-large

L’amministratore delegato di BlackBerry, John Chen non è sicuro che questo sistema sia veramente soddisfacente come soluzione di sicurezza smartphone per il nuovo sistema operativo Android L. Tra l’altro la partenership Samsung Google sembra sia proprio nata per cerare dei prodotti sicuri per imprese, professionisti legati ad enti governativi, politici e militari.

Il Ceo di BlackBerry fa un plauso agli sforzi di Google e Samsung per i loro piani di sicurezza ma dichiara che il sistema da loro adottato non è sufficientemente sicuro per le imprese, soprattutto se si occupando di sicurezza e gestione dati sensibili. In effetti, BlackBerry si paragona a loro e in questi mesi di crisi nel settore smartphone ha sviluppato dei servizi legati al cloud e all’uso dei dispositivi proprio per aziende e imprese e soprattutto sul fattore sicurezza. E infatti Chen ha aggiunto di non farsi abbagliare dalla promessa e dal semplice discorso sulla sicurezza, ma di puntare su chi ha fatto della sicurezza e della produttività aziendale e professionale il suo cavallo di battaglia, specializzandosi da lungo tempo.

Forse, BlackBerry ha lanciato anche un invito a Samsung e Google per offrire la sua specializzazione sulla sicurezza smartphone e tablet per le imprese o semplicemente si mette a disposizioni per possibili partnership su altri sistemi operativi, come Apple o Microsoft.

Fonte: SDS

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *