Ecco tutti i numeri del Q3 2014 finanziario di Apple

Nella serata di ieri Apple ha annunciato, grazie ad una earning calls, i risultati fiscali relativi al Q3 2014, risultati che sembrano in generale aver soddisfatto analisti ed investitori. La società ha venduto infatti 35,2 milioni di iPhone generando un fatturato di 37,4 miliardi dollari durante gli ultimi tre mesi, con le vendite Mac in salita e quelle dell’iPad in leggera flessione, come per altro accade su tutto il mercato tablet. Vediamo in dettaglio tutti i numeri emersi in tale sede.

Tanti sono stati gli argomenti e numeri interessanti snocciolati durante la earning calls dal CEO Tim Cook e da Luca Maestri, vediamo quali sono i 15 punti più interessanti emersi:

  • Apple ha ora 164.500 miliardi dollari in contanti e titoli negoziabili
  • 137.700 milioni dollari, l’84% della liquidità di Apple, è in offshore
  • 5 acquisizioni negli ultimi 6 mesi, esclusa Beats, 29 da inizio 2013
  • l’acquisizione di Beats dovrebbe finalizzarsi questo trimestre
  • CarPlay è arrivato a 29 marchi automobilistici importanti e diversi sistemi aftermarket
  • nuovo record del terzo trimestre per le vendite di iPhone, nonostante l’imminente uscita del nuovo iPhone 6
  • iPhone ha il 97% tasso di soddisfazione del cliente, il 50% dei nuovi clienti smartphone ha intenzione di acquistarne uno
  • solo 25% possessori di iPhone negli USA ha dei piani di sussidio tradizionali
  • il 63% dei clienti tablet compra un iPad. Il 50% degli acquirenti di iPad dell’ultimo trimestre hanno acquistato il loro primo iPad
  • la quota di iPad nel settore Educational è l’85%, mentre per le aziende Fortune 500 al 99%
  • fatturazioni iTunes sono cresciute del 25% anno su anno, il miglior trimestre si sempre
  • iTunes Software e Servizi registra la più rapida crescita del segmento di business di Apple quest’anno
  • App Store tiene bene, con oltre 75 miliardi di download di app
  • 20 miliardi dollari pagati agli sviluppatori di app finora
  • oltre 20 milioni di persone hanno visto quest’anno il keynote del WWDC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *