Apple inizia a memorizzare i dati degli utenti in Cina

Apple sta cominciando a memorizzare i dati dei propri utenti cinesi nel loro paese, nel tentativo di sedare le preoccupazioni di violazione della privacy da parte del governo cinese,  riporta il Wall Street Journal . Il cambiamento di Apple è in corso infatti sta cominciano a contenere i dati iCloud – che possono includere informazioni come documenti, foto e video – sui server di China Telecom.

apple

Apple dice che il cambiamento può “aumentare la larghezza di banda e migliorare le prestazioni per i nostri clienti in Cina”, ma il Journal sottolinea che i problemi di sicurezza provenienti dalla Cina probabilmente giocato un ruolo importante anche qui. In particolare, dopo le rivelazioni della NSA dello scorso anno, non è sorprendente che la Cina vorrebbe mantenere i dati cinesi a livello locale, dove c’è meno di una possibilità che il governo degli Stati Uniti possa attingervi.

Naturalmente, ci sono altre preoccupazioni riguardanti il trasferimento dei dati sui server di China Telecom. La Telecom è un ente statale, quindi il governo cinese ora ha effettivamente il controllo su dati di iCloud degli utenti cinesi, “I dati memorizzati sono tutti criptati” ha sollecitato il governo cinese, quindi teoricamente è immagazzinata in modo sicuro e nessuno al di fuori del proprietario dei dati dovrebbe avere accesso ad essi. Il Wall Street Journal riporta che la Cina impone già le banche e  agli operatori di telecomunicazioni, di memorizzare i propri dati all’interno del paese, così Apple cominciando a seguire l’esempio. . Il cambiamento è  iniziato l’8 agosto e arriva dopo 15 mesi di test. Ma sarà veramente una cosa positiva tutto ciò, e cosa ne penseranno i Cinesi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *