Guerra di spot tra Microsoft e Apple ma intanto i Surface soffrono problemi di surriscaldamento

Guerra di spot tra Microsoft e Apple, il MacBook Air e l’iPad vengono presi in giro in ben tre video. Eccoli in sequenza. Sono tre i video della nuova guerra di spot tra Microsoft e Apple. Nel primo video vengono confrontati il Surface Pro 3 e l’iPad. Nel secondo e terzo video vengono analizzati memoria, velocità di elaborazione e potenza.

Ricordiamo che la guerra di Spot l’ha iniziata Microsoft e con un video in cui confronta Cortana con Siri, un video divertente dove un marito è alle prese con il giorno di anniversario e si deve ricordare di acquistare un mazzo di fiori per la moglie.   Siri vs Cortana: il nuovo spot Microsoft confronta i due servizi

guerra spot micro apple

Sicuramente il nuovo Surface Pro 3 rappresenta un prodotto innovativo ma Microsoft dovrebbe migliorare la cacapcità di raffreddamento in quanto molti utenti hanno lamentato gravi problemi di surriscaldamento del processore e della scheda madre che rendono instabile il sistema stesso.

Riferiscono gli utenti che non tutti i modelli Surface Pro 3 soffrono di questo problema, le tavolette che vengono attaccate portano all’interno i processori Intel Core i5 e i 7, si tratta quindi dei modelli più potenti. Secondo le testimonianze, il tablet raggiunge temperature così elevate da risultare impossibile effettuare qualsiasi operazione, si calcola il raggiungimento di una temperature fino a 92 gradi.

Microsoft ha riferito che i tecnici siano al lavoro per trovare la causa sia del surriscaldamento e per risarcire chi ha subito il danno, il nuovo Surface Pro 3 al momento è in vendita soltanto nel mercato americano e si sta preparando l’arrivo in Spagna, quindi Europa per il 28 agosto. Insomma, forse Microsoft dovrebbe lasciare la tradizionale guerra degli spot a Samsung, rivale storica di Apple, e pensare a migliorare i suoi prodotti.  Microsoft VS Apple: quello che lo spot non dice… 

Fonte: EGI e Raebo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *