Internet Defense Prize, il premio Facebook per la sicurezza Internet

Facebook ha assegnato il premio Internet Defense Prize a due ricercatori tedeschi che hanno lavorato su un metodo di rivelazione della vulnerabilità delle applicazioni Web.  Internet gratis: ecco come il creatore di Facebook affronta il digitale divide

Si tratta di un settore importante, tanto per la Rete quanto per il Social Network Facebook che comunque si avvale del collegamento ad applicazioni di servizi, giochi e condivisione varia.

Facebook_AP_NEW4-624x351

Il premio di Facebook Internet Defense Prize è stato assegnato mercoledì ai due ricercatori della Ruhr-Universität Bochum, in Germania. Sono Johannes Dahse e Tpohorsten Holz che hanno ricevuto il permio in denaro per un documento che illustra come travare difetti, i bugs e altre falle che gli hacker potrebbero sfruttare. Il documento sarà preso in esame dalla sezione sicurezza di Facebook. La commissione aveva strutturato il premio in modo da premiare finanziare tecnologie utili nel mondo reale.

Il direttore tecnico del settore sicurezza di Facebook ha dichiarato “Abbiamo deciso di concentrarci sulla crezione di maggiori opportunità e incentivi per ricercatori che producono invenzioni e innovazioni che proteggono le persone” .

“La nostra iniziativa – ha continuato John Flynn – è questo premio che riconosce la ricerca che unisce un prototipo funzionale ad un contributo significativo per la sicurezza di Internet, in particolare per i settore della protezione e della difesa”. Flynn è stat un membro del comitato di premiazione in cui ha collaborato anche USENIX per la Sicurezza nel sud della California. Altri articoli su Facebook. Rilasciato Facebook 13.1 per iOS con riduzione dei crash dell’applicazione – Come usare la chat di Facebook senza scaricare Facebook Messenger – Facebook messenger diventa obbligatoria? Ecco i download per iOS e Android

Fonte: BP e FP (Photo)
 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *