Samsung Galaxy Note 4: ecco nuove conferme sul suo SoC

Samsung Galaxy Note 4 è probabilmente uno dei capitoli più importanti per quanto riguarda gli smartphone in casa Samsung, questo dispositivo arriverà il 3 settembre, o meglio, sarà presentato il 3 settembre dove lo staff di MobileOS.it fra l’altro sarà alla fiera per offrivi notizie in anteprima.

Samsung Galaxy Note 4

Questo nuovo dispositivo di casa sarà un nuovo capitolo molto importante per la casa coreana, e oggi ci sono anche delle nuove conferme per quanto riguarda il SoC utilizzato dal dispositivo.

La scelta del nuovo SoC di casa Qualcomm all’interno di Samsung Galaxy Note 4 era quasi inevitabile, adesso però si hanno anche delle informazioni riguardo il nuovo SoC di produzione Exynos, di fatto Sammobile ci conferma che all’interno del Samsung Galaxy Note 4 avremo un Exynos 5433.

L’Eynos 5433 è un SoC octa-core con tecnologia Biggle.little, infatti abbiamo 4 cuori “pompati” e 4 cuori che servono per le operazioni basiche che sono costantemente attivi, ricordiamo che con questa tecnologia non abbiamo mai praticamente l’utilizzo di tutti e gli core in simultaneo, questa è una cosa da specificare dato che molti potrebbero pensare che tutti e gli 8 core lavorano in simultaneo, invece no, non accade mai così.

Leggi anche: Samsung Galaxy Note 4: forse in vendita il 15 settembre

Quindi, ecco che Samsung Galaxy Note 4 si riconferma campione di potenza, ovviamente non possiamo affermarlo, ma conoscendo Samsung sappiamo che all’interno dei suoi Note deve esserci sempre il SoC più potente e in questo caso Samsung sembra seguire sempre e comunque le sue orme.

Insomma, l’evento si avvicina, come tutti sappiamo per ora sono state confermate le date di Huawei e Sony (oltre a Samsung) per quanto riguarda la presentazione dei loro dispositivi all’interno della fiera.

Vi ricordiamo che all’interno del nostro sito ci sono tantissime informazioni riguardo alla fiera, e tantissime news inerenti a tutti i dispositivi che potranno fare la loro comparsa alla fiera.

Fonte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *