Xiaomi Mi 3 si colora di verde, ma solo a 16 GB

Xiaomi Mi 3 rappresenta il top di gamma ad un prezzo particolarmente vantaggioso fra le proposte della giovane casa produttrice con sede in Cina. E’ dotato di un poderoso Qualcomm Snapdragon MSM 800, una scheda grafica Adreno 330 o Nvidia GeForce, assistito da 2 GB di RAM veloce, una fotocamera 13 MP posteriore e da 2 MP frontale (fornita da Sony), uno schermo da 5 pollici FullHD 1920 x 1060(441 PPI la densità) e 16 GB o 32 GB di storage espandibile. Il tutto venduto a 290 €, tasse incluse.

xiaomi Mi 3 verde

Xiaomi Mi 3 riceverà anche un trattamento estetico oltremodo ricercato: la solida lega di alluminio con cui è realizzata la scossa si colorerà di un vivace verde, ma solo nelle varianti a 16 GB di taglio.

Le colorazioni assortite tra cui scegliere lo Xiaomi Mi 3 sono: bianco, grigio, nero, giallo, rosa, blu e una speciale verniciatura dorata. Oltre alla variante color verde, nessuna delle specifiche tecniche è stata toccata, compresa la parte frontale rigorosamente nera.

D’altronde, l’attesa per Xiaomi Mi 4 si fa pressante, dato l’impressionante arsenale tecnico con cui verrà equipaggiato a partire dall’inverno: Snapdragon 801 clockato a 2.5 GHz e GPU Adreno 330, ben 3 GB di RAM veloce, una fotocamera anteriore da 8 MP e una posteriore da 13 MP e la possibilità di girare video a risoluzione 4K, un nuovo taglio da 64 GB di memoria flash interna con slot di espansione per MicroSD. A meno di 350 €.

Il produttore cinese ha così pensato di ingannare la febbrile attesa aumentando la longevità del predecessore Mi 3 con un’edizione speciale dall’estetica raffinata. Sul mercato della terra natìa, Xiaomi regna incontrastata facendo registrare record su record in termini di vendite e volume di affari, andando ad insidiare sul mercato internazionale la rivale più blasonata: Lenovo.

La casa madre di Xiaomi Mi 3, inoltre, ha recentemente deciso di espandere i confini di vendita allargando la propria influenza anche alle piazze di India, Brasile, Russia, Messico, Malesia, Filippine, Indonesia, Thailandia, Vietnam e Turchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *