Xiaomi supera Samsung nelle vendite in Cina

Xiaomi è da qualche tempo al centro dell’attenzione per i suoi innumerevoli record sia nelle vendite che sulla produzione; nella giornata odierna arriva un interessante numero: Xiaomi ha superato Samsung nelle vendite in Cina.

China-sales-2014

 

Nell’infografica in alto è possibile vedere la percentuale di vendite delle singole compagnie e troveremo al primo posto Xiaomi con il 14% dei dispositivi venduti, seguito da Samsung Lenovo e Yulong al 12% e successivamente troveremo Huawei all’11% e una nicchia di compagnie al 39%.

Il dato eclatante è, come citato precedentemente, il sorpasso nelle vendite di Xiaomi su quelle di Samsung; dato che fa riflettere perchè raccoglie tutte le news fatte in queste settimane o nei scorsi mesi, ovvero:

  • Sugli smartphone top di gamma delle rispettive compagnie: da una parte troviamo lo (attualmente) Xiaomi Mi3 che ha creato scalpore per le sue performance incredibili ed un relativo prezzo di vendita oggettivamente molto basso (da precisare che questi dati potrebbero cambiare nel corso di queste settimane perchè sta per arrivare lo Xiaomi Mi4), date le sue qualità e dall’altra parte un Samsung Galaxy S5 che ha deluso non nelle performance, ma nelle features che son state poco superiori da quelle viste nel suo predecessore, ovvero l’S4;
  • Sui numeri: diciamocelo, Samsung ultimamente ha problemi nella vendita come si può già dedurre dalla bassa qualità nell’innovazione e le scelte dei prezzi, troppo alti per diversi dispositivi, e dall’altra parte i numeri di Xiaomi, sempre in aumento visto il lavoro nel campo degli smartphone/tablet/dispositivi indossabili.

Ma questo non è tutto, perchè i record di Xiaomi non sono finiti in quanto, fonti molto attendibili parlano di Xiaomi come una compagnia che in futuro sarà alla pari di Apple e Samsung.

Naturalmente la redazione, augura il meglio sia per Xiaomi che per Samsung nel raggiungimento degli obiettivi prefissati delle rispettive aziende. Si resta in attesa di possibili e futuri aggiornamenti.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *