iPhone 6: analista di Wall Street prevede una fortissima domanda

Da un momento all’altro, nelle prossime ore, dovrebbero affiorare le primissime stime di quanti nuovi iPhone 6 di Apple siano stati venduti nel corso del weekend di lancio. A titolo comparativo, l‘anno scorso Apple ha venduto 9 milioni di unità di iPhone 5s e iPhone 5c (versione economica, ma solo nel nome), in crescita di circa l’80% rispetto ai 5 milioni di iPhone 5 distribuiti in pre-ordine a pochi giorni dal lancio ufficiale. Ma secondo un analista di Wall Street, la cifra che totalizzeranno iPhone 6 e iPhone 6 Plus sarà senza precedenti“.

iphone-6-3
Ben Reitzes, che sa il fatto suo e opera da diverso tempo per conto del colosso della finanza mondiale Barclay, sostiene che, mentre Apple ha registrato un fatturato più sostanzioso del previsto, grazie anche alle proiezioni sul volume di affari più ottimistiche questo fine settimana, la gente non dovrebbe focalizzarsi sui soli numeri in gioco, perchè potrebbero essere fuorviati. Secondo l’analista, la cifra è determinata dalle quantità di dispositivi iPhone 6 che Apple può sopperire alle richieste del mercato, e non sarà certo un fuoco di paglia. Egli intuisce, tra un arzigoglato grafico e l’altro, che la domanda rimarrà piuttosto pesante lungo tutto il trimestre. Non sarebbe strano, prosegue Reitzes, vedere una fiumana di vendite di iPhone 6, a partire da questo weekend, fino alla cifra record di 10 milioni (o più) di unità commercializzate in poco tempo.


Piper Jaffrey Gene Munster, che non è estraneo ai lettori MobileOS, dice che le vendite di entrambi gli iPhone 6 segneranno un nuovo inizio per la casa californiana. La coda di Applefan assiepati davanti all’Apple Store locato sulla Fifth Avenue è aumentato del 33% rispetto allo scorso anno, e che nel Midwest degli Stati Uniti le code hanno fatto segnare un aumento del 39%.

Eppure, secondo Munster, le stime di vendita iniziali di iPhone 6 saranno più conservative rispetto a quelle di Reitzes, e si fermeranno a ‘soli’ 6,55 milioni di unità. Ma aggiunge anche che l’inventario sell-in (cioè tutti gli iPhone 6 stipati nei magazzini deposito) potrebbe fare la differenza. L’anno scorso, il canale di vendita diretto ha totalizzato 3,5 milioni di unità vendute extra. Quale dei due maghi della finanza avrà ragione lo sapremo nelle prossime ore, rimanete sintoizzati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *