Motorola Moto X 2014 potrebbe essere lanciato in versione “Pure Google”

Motorola Moto X 2014 lo conosciamo tutti benissimo, è il nuovo smartphone dell’azienda alata che è stato presentato sia a Berlino sia a Chicago in una presentazione, stiamo parlando di uno smartphone che praticamente assicura un esperienza pura di Google ma che allo stesso tempo ha delle piccole personalizzazioni Motorola che ricalcano l’equalizzazione audio, la galleria, la fotocamera la presenza dell’active display, l’ascolto continuo…e insomma, davvero tante piccole feature che aumentano l’esperienza ai massimi livelli senza rovinare quella che è l’esperienza Google Pura.

Motorola Moto X 2014

Ma, a quanto pare Motorola è convinta dal fatto che ci sono delle persone che non vogliono nemmeno questo tipo di personalizzazioni, fatto sta questo dispositivo a quanto pare sarà venduto in versione Google Pure ma non sarà la versione Play Edition ma sarà venduto da Motorola stessa, di conseguenza sarà solo lei ad eseguire tutto il lavoro di modding.

Leggi anche: IFA 2014: presentato il nuovo Moto G con caratteristiche tecniche migliori

Ed è proprio di modding questo lavoro, infatti questo Motorola Moto X 2014 Pure Google dovrebbe essere venduto già con il bootloader sbloccato, sia chiaro, non sappiamo cosa porterà questo dato il fatto che la precedente “Stirpe” di smartphone Motorola praticamente appena si sbloccava il bootloader partiva automaticamente la garanzia e questo portava praticamente gli utenti ad evitare di moddare il proprio smartphone dato che alla garanzia un po’ tutti ci tengono ecco e hanno comunque paura di briccare (o anche di bloccare) il proprio smartphone flashando ROM e installando delle recovery modificate.

Quindi in un futuro nemmeno troppo lontano potremmo vedere il lancio di questa nuova variante di Motorola Moto X 2014, ovviamente sarà venduta da Motorola, ma non sappiamo quando arriverà e come arriverà, l’idea di Motorola è abbastanza interessante, ma sappiamo anche che si sa moddare lo fa anche se perdere la garanzia, insomma, è tutto da vedere, attualmente non si sa nulla.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *