La Cina pronta a censurare anche le applicazioni

Sembra inevitabile che il progresso tecnologico non debba scontrarsi in Cina con il volere del governo locale, sopratutto quando parliamo in termini di censura. Le ultime a finire sotto gli occhi del censore asiatico sono niente che meno le applicazioni che stanno invadendo il paese e gli smartphone e tablet dei cittadini di tale paese. Sembra infatti che il governo, abbia in agenda l’imposizione di una sorta di censura sulla divulgazione di applicazione, al fine di evitare la diffusione di contenuti pericolosi.

Cina-bandiera

Questo è quanto è emerso dalle parole rilasciate al giornale local di Pechino da Zhu Wei, professore di legge presso la China University of Political Science and Law, il quale ha prospettato un possibile intervento del governo nell’introdurre una regolamentazione sulla diffusione, al momento libera, delle applicazioni del mondo mobile nel paese.

“C’ è stato un dilagare di applicazioni, spesso anche illegali, alcune di esse diffondono informazioni private che riguardano i consumatori, spesso anche minorenni, e violano i loro diritti legali. Ci vuole uno sforzo legislativo per regolare la applicazioni” queste sono state le parole del professore fornite alla stampa, un argomento che in Cina sta diventando molto caldo è che è già stato oggetto di discussione dai funzionari dello State Internet Information Office ed esponenti del Consiglio di Stato.

Ora resta da capire se il governo introdurrà una sorta di regolamentazione per il controllo delle applicazioni, oppure una vera e propria censura, come accaduto in altri campi, che andrà a minare la libertà di diffusione e di utilizzo anche in tale settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *