Google Nexus 6 a 649 dollari, perché un prezzo così alto?

Oggi è stato un grande giorno per Google che ha presentato i suoi due nuovi dispositivi Nexus 6 e Nexus 9, modelli dalle specifiche di un Top di Gamma e che portano la novità del nuovo Hardware sistema operativo Android 5.0 Lollipop.

Una grande attesa per questi due dispositivi tanto discussi nei giorni scorsi tra rumor, foto anteprime, analisi di settore. C’è però una grande delusione per molti, il costo del Nexus 6 che fuori contratto segna ben 649 dollari, una tendenza nettamente superiore ai precedenti smartphone della serie Nexus.

Fotocamera-google-Nexus-6

La qualità costa e non si può fare altrimenti in un mercato che presenta dispositivi dalle fattezze tecniche evolute e concorre anche nei costi. Sembra che il low cost per smartphone dalle caratteristiche evolute sia ancora una scelta strategica coraggiosa e che non si può effettuare in tutte le aree del mondo o in tutte le circostanze. Ad incidere sul costo ci sono diversi fattori, tra cui l’integrarsi o meno all’interno di un servizio di contratti di telefonia, che in genere dovrebbe facilitare l’acquisto grazie ad un piano rateizzato collegato all’abbonamento.

Analizzando il confronto prezzi Google Nexus 6 e Google Nexus 5 le differenze sono davvero notevoli. Il Nexus One e il Nexus s erano stati rilasciati a 529 dollari, nel 2011 era uscito il Samsung Galaxy Nexus dal costo di 649 dollari, sul modello poi Google ha fatto marcia indietro e ha rilasciato il Nexus 4 versione da 8 Giga con un prezzo di soli 299 dollari e 349 dollari per laversione da 16 GB. Il Nexus 5 invece è stato rilasciato ad un prezzo di 349 dollari. Che cosa è successo con il Nexus 6, perché questa tendenza al rialzo e soprattutto che impatto avrà sul mercato questa scelta e soprattutto sugli andamenti finanziari della società Internet?

Fotocamera-google-Nexus-6.

Secondo le analisi di Phone Arena, ad aver inciso su un rialzo così grande ci sono fattori produttivi, le società partner hanno fatto pressione a Google per alzare il prezzo in quanto il dispositivo ha richiesto uno sviluppo software aggiuntivo e c’è un problema di distribuzione e suddivisione delle vendite tra il circuito Google Play e i negozi al dettaglio che potrebbe incidere sul rialzo dei prezzi.

 

Fonte: PA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *