iGoogle Portal, ecco come funziona il servizio di Home degli anni 2000.

Dal 2005 al 2013, iGoogle è stata una pagina alternativa alla classica Home Page del famoso motore di ricerca in un momento in cui i dispositivi mobili non avevano rivoluzionato in maniera incisiva l’utilizzo di Internet, introducendo l’uso delle App e dei Widget di navigazione o consultazione, in sostanza l’informazione utile sempre visibile all’occhio: ora, data, notizie, ecc. Il servizio era stato realizzato con tecnologia AJAX, e supporta gadget, feed RSS e temi grafici.

Nonostante il servizio di iGoogle sia stato soppresso e interrotto, la pagina è ancora raggiungibile e il sistema di ricerca è ancora attivo. Certo, adesso noi abbiamo Chrome e usiamo quelli, ma rimane ancora un bel pezzo di storia presente nell’universo Internet, e perché no? una risorsa ancora utilizzabile. Diamo un’occhiata a ciò che è rimasto, entrate in questa pagina e sperimentate anche voi: http://www.igoogleportal.com

igoogle_loog

Innanzitutto, l’account iGoogle è ancora attivabile, non da la possibilità di utilizzo dell’e-mail, ma serve solo a registrare il tipo di personalizzazione che si cerca.

1 igoogle

Come la pagina odierna, anche iGoogle permette di personalizzare gli sfondi, sia con raccolte interne sia con foto personali. Troviamo poi un’infinità di Widget ancora attivi e scaricabili sulla home, certo l’elenco non viene aggiornato da Google.

iGoogle 2

Insieme alla Home, su iGoogle si possono scegliere diverse nuove pagine, rendendo lo spazio ancor più intuitivo e personalizzabile. Insomma, il progetto iGoogle è finito, ma rimane ancora attivo un bello spazio di uso del Web, ho cercato la parola Mobile OS, la pagina dei risultati è uguale alla classica di Google, troviamo meno pubblicità laterale e un insieme di spazi subito sotto la stringa di ricerca. A voi la parola.

Fonte: Wikipedia e Google

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *