Samsung Galaxy Note 4: vincitore tra confronto fotocamere smartphone top di gamma

Samsung Galaxy Note 4: al giorno d’oggi è difficile trovare persone che comprano ancora uno smartphone per le sue potenzialità fotografiche, sopratutto se Android, ma in questo caso abbiamo un confronto davvero interessante dove (lo diciamo sin da subito!) Note 4 batte praticamente tutti senza alcun problema, grazie alla sua velocità di scatto e grazie anche e sopratutto alle potenzialità offerte dal software di casa Samsung, che dire, un ottimo dispositivo quindi che conferma la sua qualità anche all’interno della fotocamera. ma andiamo a vedere un po’ il confronto vero e proprio in dettagli più curati.

Samsung-Galaxy-Note-4-offerte-operatori-specifiche-tecniche-e-caratteristiche-2

Confronto fotocamere Android: ecco i dati tecnici

Sensore Sony Xperia Z3 (Phone 1)

Il Sony Xperia Z3 ha forse uno dei sensori che sulla carta è il migliore ma che in fin dei conti non è il massimo, stiamo parlando di un sensore da praticamente 20.7 megapixel che sono davvero tanti, ma che in fin dei conti a causa del software Sony e stiamo parlando della modalità automatica scatteremo foto sempre ad 8 megapixel e questo è un problema davvero di rilievo e sopratutto fastidioso che porta questo dispositivo a non essere multimediale al 100%, speriamo che con dei futuri update tutto questo migliori

Sensore Galaxy Note 4 (Phone 2)

Il sensore del Samsung Galaxy Note 4 (vincitore di questo confronto) è davvero molto interessante: abbiamo un sensore da 16 megapixel con ottica stabilizzata che fa delle foto davvero molto interessanti ed inoltre abbiamo anche la stabilizzazione ottica che non fa mai male in effetti. Il software è molto ben fatto è la modalità automatica funziona davvero molto bene grazie a tutti i preset di Samsung.

Sensore LG G3 (Phone 3)

Il sensore fotografico di LG G3 è forse quello più interessante, non tanto per quanto riguarda i megapixel o le potenzialità ma più che altro per la velocità di scatto che è davvero incredibile, inoltre abbiamo addirittura un flash laser che aumenta notevolmente la velocità di scatto della fotocamera stessa dato che aumenta la velocità di messa a fuoco.

Sensore iPhone 6 (Phone 4)

Il sensore di Apple iPhone 6 è quello un po’ più chiacchierato, abbiamo di fatto un sensore da soli 8 megapixel che sono davvero pochini rispetto alla media, inoltre abbiamo anche un flash led che funziona molto bene: nulla da dire: il punta è scatta è buono, il software scarnissimo o privo di funzioni.

Sensore Note 3 (Phone 5)

IL sensore del Note è un classico 13 megapixel, non abbiamo nessun tipo di ottica all’interno del sensore ma abbiamo un software per scattare le foto davvero molto interessante che ci permette di utilizzare la fotocamera in modalità automatica senza alcun problema e ciò lo rende davvero utile quando andiamo a fare degli scatti del tipo “punta e scatta”.

Sensore Galaxy S5 (Phone 6)

Come da tradizione Samsung ecco un’altro dispositivo con un sensore davvero molto interessante e particolare, questo semplicemente perchè è lo stesso di Note 4, anche se in quel caso abbiamo anche l’ottica stabilizzata, in questo caso no, ma le foto sono comunque buone e questo lo possiamo vedere di seguito.

Confronto fotocamere Android: foto panoramiche

Come possiamo vedere dalle foto i smartphone che hanno i colori un po’ più realistici sono quelli di casa Samsung ed Apple, invece, LG G3 e Sony Xperia Z3 falsano un po’ i colori e questo è alquanto strano, comunque, per tutti i dispositivi la gestione della luce è davvero molto buona: nessuno degli smartphone presi in questione ha bruciato il cielo, cosa che accade a tantissimi dispositivi quando si fotografa un oggetto con il cielo alle spalle.

Da questo confronto ne escono un po’ tutti alla pari, ma quando andiamo a zommare e di conseguenza a vedere i dettagli delle foto ecco che ci rendiamo conto che in pratica siamo di fronte alla verità dei pixel: le foto di S5 e Note 4 sono di fatto le migliori, quelle di iPhone per colpa del sensore sono davvero bruttine: nulla da dire sul Sony e su LG che comunque nonostante i colori non proprio realistici sono in grado di mantenere la qualità della foto anche se andiamo a zommare.

Confronto fotocamere Android: foto con mezze luci

In questa foto possiamo apprezzare invece il lavoro che fanno gli smartphone in situazione di luce non proprio il massimo (dato che in questo caso siamo in penombra) e sopratutto in questo caso ci ritroviamo di fronte ad una foto con davvero molti colori: allora, la qualità generale delle foto in questo caso è davvero molto buona, un po’ come nella precedente, ma in questo caso anche il Sony ed LG si sono comportati davvero molto bene, quindi ecco che arriviamo subito ai difetti, in questo caso il problema è sempre quello: la risoluzione, ma in questo caso non è nemmeno tanto questo, più che altro ciò che fa la differenza in questa foto è l’apertura focale del sensore e possiamo vedere proprio che Note 4 ed S5 fanno davvero un egregio lavoro: tutti gli smartphone hanno avuto dei problemi per quanto riguarda la messa a fuoco, ma stiamo parlando di smartphone quindi va più che bene così.

Confronto fotocamere Android: messa a fuoco su un oggetto distante

Questa parte del confronto è forse la più importante del test: abbiamo un negozio dove lo mettiamo a fuoco e poi successivamente facciamo lo zoom sull’oggetto che c’è in vetri e che magari ci interessa, quindi in questo caso è inutile dire che contano davvero poche cose: la messa a fuoco, la mano ferma (in questo caso non sappiamo in che situazione è stata scatta la foto, anche se essendo un test dovrebbe essere in condizioni molto ideali) e ovviamente tanti megapixel: quindi ecco che qui iPhone subito decade mentre tutti gli altri passano senza alcun problema il test, ovviamente ottima la foto del Sony dato il fatto che ha ben 20.7 megapixel le sue foto sono venute molto meglio.

Confronto fotocamere Android: conclusioni

Nonostante Apple continua con il solito sensore da 8 megapixel dai tempi di iPhone 4s ecco che i limiti ci sono e come, questo test sarebbe andato forse meglio per iPhone se non avesse avuto un sensore così poco risoluto e sopratutto sarebbe andato anche meglio se avesse avuto qualche funzionalità in più all’interno del software.

Per quanto riguarda gli altri dispositivi (Android) il test è andato davvero a buon fine, peccato sempre per Sony che si ostina a non sfruttare al massimo la parte fotografica di questi dispositivi sopratutto per quanto riguarda la parte automatica, il vincitore è ovviamente Samsung Galaxy Note 4 senza ombra di dubbio, complimenti davvero a Samsung per questo prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *