App per i datori di lavoro per controllare i dipendenti

Una App per i datori che consentirà di controllare i dipendenti e i loro spostamenti, ma sempre nel rispetto della loro privacy. Le società Ericsson e Wind, infatti, grazie al via libera dato dal Garante per la Privacy avrannno la possibilità di utilizzare i dati relativi alla posizione geografica per alcuni telefoni, quelli dati in dotazione ai dipendenti.

App per i datori

Tutto questo potrà essere fatto tramite una App per i datori che dovrà, però, essere utilizzata sempre con i limiti previsti dalle leggi vigenti.

Infatti, il nostro Garante ha voluto determinare alcuni confini nell’utilizzo di questa App per i datori, che dovranno ancora essere ben definiti, in quanto si attende anche la collaborazione dei sindacati.

Uno degli elementi che sicuramente verranno applicati è costituito dal diritto, per il dipendente, di disattivare l’applicazione durante la pausa pranzo o appena sia conclusa la sua attività lavorativa.

Inoltre, questa App per i datori si potrà disattivare dopo alcuni minuti di inattività e sarà interdetto l’accesso ai dati personali del dipendente: dai messaggi alle email, sino all’accesso al traffico telefonico.

Infine, così come indicato sempre nelle linee guida del Garante, non sarà possibile la così detta storicizzazione della geolocalizzazione. Cosa vuol dire? Significa che con la App per i datori l’imprenditore non potrà mappare gli spostamenti del dipendente e non potrà creare, quindi, uno storico delle sue attività al di fuori del luogo di lavoro.

L’autorità per la garanzia dei dati personali ha accettato questa proposta in quanto la stessa potrebbe migliorare la produttività, consentendo, ad esempio, di individuare immediatamente un agente o un consulente che si trovi vicino ad un cliente che abbia bisogno di assistenza.

Infine, non sarà possibile usare la App per i datori e i dati da essa derivanti per finalità diverse da quelle strettamente produttive. Un esempio? Non potranno essere utilizzati i dati per comminare sanzioni disciplinari.

 
Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *