Cos’è la modalità Fastboot? L’ABC del modding

L’argomento odierno dell’ABC del modding, verterà sulla modalità Fastboot, su come si utilizza e a cosa serve nel mondo Andorid. Fastboot è una modalità di accensione del vostro dispositivo che vi consentirà di flashare ( installare ) alcune parti del sistema, come un file d’immagine, tramite la usb. Fasboot è anche il nome della finestra a righe di comando che andrete ad utilizzare per effettuare appunto determinati cambiamenti al vostro sistema. L’accesso alla modalità Fastboot è strettamente connessa al Bootloader del dispositivo, in quando consente di accedere a parti molto delicate del S.O quali appunto un kernel , ed è per questo motivo che per essere attivata , necessita spesso dello sblocco del Bootloader stesso.

jo4vm

Leggi anche => Cos’è il Bootloader? L’ABC del modding

Fastboot è un tool contenuto nella cartella dell’SDK di Android, ovvero un software rilasciato da Google per lo sviluppo su Android. Esso è contenuto in una cartella dall’omonimo nome, che vi consentirà sostanzialmente, sia di installare un kernel modificato ( come sui dispositivi Sony ) sia di installare una factory image ( dispositivi Nexus ), a patto che il vostro dispositivo sia avviato in questa modalità!

Ecco come installare il tool contenente Fastboot:

  • Scaricate l’ultima versione dell’ SDK di Android da questo sito ( trovere Installinh the SDK nella colonna di sinistra): http://developer.android.com/sdk/index.html;
  • Se siete utenti Windows , recatevi nella directory in cui avete installato l’SDK, ovvero C\adt-bundle-windows-x86_64-2013xxxx\sdk\platform-tools\fastboot.exe;
  • Se siete utenti Linux potete aprire una finestra di comando e digitare: sudo apt-get install android-tools-fastboot oppure: sudo yum install android-tools;

 

Ecco alcune delle funzionalità contenute nel tool Fastboot da immettere nella finestra di dialogo:

  • fastboot devices serve per vedere il numero seriale del vostro dispositivo (sostanzialmente è una conferma che il PC ha riconosciuto il vostro dispositivo);
  • fastboot boot kernel.img permette di flashare un kernel senza installarlo sul terminale (quindi al successivo riavvio il dispositivo tornerà esattamente come prima);
  • fastboot flash [recovery|boot|system|cache|userdata] file.img permette di flashare una singola partizione contenuta nell’ OS, a patto che sia un file di immagine (senza passare dalla recovery );
  • fastboot reboot|reboot-bootloader per riavviare il sistema o farlo ripartire in modalità bootloader

 

Nella cartella dell’SDK di Android è contenuto anche un pacchetto di driver, in quanto il collegamento tra il vostro dispositivo in modalità Fastboot e il PC andrà ad installare dei driver specifici che spesso non verranno riconosciuti. Come potete intuire è un tool molto potente che permette di modificare, singolarmente o interamente il vostro dispositivo, quindi utilizzatelo con cautela e fate attenzione a non commettere errori. Per avviare il dispositivo in modalità Fastboot vi è una precisa combinazione di tasti che varia da un dispositivo all’altro. Vi ricordo che non tutti i terminali Android sono supportati ma circa il 90% è compatibile con questa modalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *