Google estende Android One in Bangladesh, Nepal e Sri Lanka

Dopo una piccola falsa partenza di Android One, Google ha comunicato al mondo che il progetto verrà esteso in nuovi paesi emergenti; ricordiamo cos’è questo progetto, come nasce e l’ultima comunicazione di Google attraverso il suo blog.

android-one-540x334

Questo progetto, innanzitutto, nasce per cercare di espandere questo sistema operativo in tutti quei paesi dove la povertà incombe maggiormente (come l’India) portando un terminale, dalle caratteristiche molto irrisorie, che verrà aggiornato per 24 mesi. Il primo paese a beneficiare di questo progetto è stata l’India e dopo il comunicato ufficiale di oggi questo progetto è stato esteso per altri tre paesi: Bangladesh, Nepal e Sri Lanka.

Insomma, Google non è nuova a queste buone iniziative poiché è in costante lavoro per portare il robottino verde sulle tasche di chiunque e non solo, con diverse necessità, difatti Android sta divenendo un sistema operativo universale: installato quindi in terminali di vario genere, dalle TV ai smartwatch, dai PC alle automobili.

Naturalmente Google ha diramato una data di disponibilità (nei paesi citati) di Android One, che dovrebbe arrivare per i primi del nuovo anno. Ecco il comunicato ufficiale:

In these countries — with a combined population of over 200 million people — a wide range of manufacturers and network partners such as Banglalink will begin to sell Android One smartphones. In addition to Micromax, Karbonn and Spice, Bangladesh’s own Symphony will launch their first Android One phone with the Symphony Roar A50. All these devices will give people a high quality mobile experience for an affordable price, running stock-Android with updates from Google.

In conclusione resteremo in attesa di possibili nuove estensioni di Android One.

Se hai interesse per Android Lollipop, dei futuri smartphone che verranno aggiornati al nuovo sistema operativo Android e del Material Design, ecco una lista di news che potresti leggere: (lista completa qui)

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *