LG Fx0: il telefono trasparente con Firefox OS

Il sistema operativo Mozilla Firefox OS ha fatto il suo debutto ieri Giappone, con l’annuncio del primo smartphone che lo adotta, ovvero  il modello LG Fx0. Questo smartphone dal nome davvero strano e prodotto da LG è stato progettato da Tokujin Yoshioka, ed ha una caratteristica mai vista prima d’ora:  è trasparente.
Come si può vedere dall’immagine qui sotto, LG Fx0 permette di sbirciare al suo interno, senza dover togliere la cover o quant’altro. Caratteristico anche il pulsante “home” decorato con una versione oro del logo di Firefox.

LG FxO
Il FX0 è certamente diverso da tutti i precedenti telefoni  dotati dei Firefox OS, che finora sono stati proposti per la fascia bassa di mercato, a prezzi davvero economici. LG Fx0 si discosta da questo trend e visto il stiloso design, sarà il più costoso smartphone con Firefox OS in commercio. Infatti, anche se mancano conferme ufficiali, si parla di un prezzo di circa 50.000 yen (460 dollari al cambio attuale).

Oltre ad essere trasparente LG Fx0 prende spunto come design (principalmente la forma, ) dal LG G3 , ma è più piccolo. Le sue dimensioni sono 139 x 70 x 10,5 millimetri e pesa 148 g. Ha un display touchscreen IPS da 4,7 pollici, mentre la risoluzione non è stata resa ancora pubblica.
LG Fx0 è alimentato da una CPU quad-core  Qualcomm Snapdragon 400 da 1,2 GHz, aiutata da 1,5 GB di RAM e 16 GB di spazio di archiviazione, espandibile tramite schede microSD. Non mancano fotocamera posteriore da 8 MP con flash LED e una fotocamera frontale da 2.1 MP. Ha una batteria da 2.370 mAh, e funziona con la versione 2.0 di Firefox OS.
Per la prima volta per uno smartphone Firefox OS, LG Fx0 avrà il supporto 4G LTE e NFC. Sarà offerto esclusivamente da KDDI e solo nel colore oro. Una vendita limitata avrà inizio il 25 dicembre, e il telefono sarà ampiamente disponibile in Giappone a partire dal 6 gennaio. Se avete la speranza averlo presto tra le mani però non fateci troppo conto: gli smartphone venduti in Giappone raramente vengono esportati all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *