Record iPhone, analisi di un risultato e del suo successo cinese

Record iPhone, Apple ha chiuso il primo trimestre con un utile netto in aumento di 18 miliardi di dollari, ha registrato vendite per 74,5 milioni di modelli ed è schizzato il valore dell’utile societario e delle quotazioni borsistiche.

Si tratta di un grande risultato che in parte molti si aspettavano, i dati riportano come sia stata la settimana natalizia ad influire soprattutto sui risultati e a determinare il record iPhone, gli analisti avevano previsto un numero limite a 64,9 milioni di modelli e invece il risultato presentato per il primo trimestre dell’esercizio fiscale ha riportato un numero ben oltre le statistiche.

dactilar-activar-iPhone6-Apple-China_LPRIMA20141017_0025_28

 

Insieme all’iPhone anche gli altri prodotti hanno presentato buoni numeri, ad esempio sono stati venduti ben 5,52 milioni di computer Mac ma soltanto 21,42 milioni di iPad, un numero che è sotto le aspettative e segue l’andamento del mercato e del rapporto con le tavolette che hanno visto il picco con l’uscita dei primi modelli ma adesso si confrontano con gli ultrabook, analizzando i dati di iPad gli esperti riferiscono difficoltà nel competere con i prodotti Android e Windows Phone, sistemi operativi applicati su tavolette anche economiche.

Il Record iPhone ci riporta anche ad un’altra dinamica interessante, il successo in Cina, i dati riferiscono che gli Stati Uniti rimangono il primo mercato importante ma nel grande paese asiatico la vendita degli iPhone è raddoppiato a discapito delle società locali che durante quest’anno hanno introdotto prodotti innovativi che però non riescono a scanzare la concorrenza estersa e in questo caso il successo dell’Apple.

cina

Vediamo anche altri numeri relativi ad Apple, la società di Cupertino chiude il primo trimestre con un utile netto in aumento a 18 miliardi di dollari, lo scorso anno nello stesso periodo il risultato erano decisamente inferiori, a 13,1 miliardi di dollari. I ricavi in up hanno raggiunto un vero record: 74,6 miliardi di dollari dai 57,6 miliardi del 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *