Softcard, la nuova acquisizione di Google per i pagamenti virtuali

Softcard sarà la novità di Google per i pagamenti virtuali, un settore dove al momento spadroneggia Apple con Apple pay. Google sta acquisendo questa nuova realtà specializzata nei pagamenti NFC.

Le indiscrezioni su Softcard sono arrivate dalla rete, Google ancora non ha rilasciato informazioni precisi, quindi molti dettagli restano da chiarire. Softcard è un’azienda che prima aveva un nome particolare, ISIS Mobile Wallet. Il nome è stato cambiato per motivi legati alla cronaca di questi giorni.

softcard

Softcard nasce da una joint venture tra AT & T , T-Mobile e Verizon nel pagamento mobile annunciata nel 16 novembre 2010 e conclusa nello stesso anno. Il Ceo di SoftCard si chiama Mike Abbott e anche il loro sistema si basa sulla connettività MFC, permette quindi agli utenti di pagare toccando il dispositivo mobile, forse Google pensa al futuro Nexus 7. Nel 2011, SoftCard ha stretto diverse partnership con importanti circuiti come Visa, Mastercard e Amercan Express.

Softcard, rappresentato nel suo brand da una mascotte, Tappy, non ha avuto il successo che sperava, al momento perde quasi 15 milioni di dollari al mese ed è sulla strada del ridimensionamento, cosa che porterà a diversi licensiamenti. Diverse fonti, tra cui TechCrunch, parlano di una proposta da parte di Google di 100 milioni di dollari per conlcudere una transizione e forse risollevare le sorti della società.

Softcard potrebbe sostituire Google Wall, l’odierno sistema di pagamento digitale di Google che però si è arenato nel suo sviluppo, il sistema non ha ricevuto grossi consensi da parte delle compagnie telefoniche chiamate a collaborare per lo sviluppo e l’espansione del sistema. Sia Softcard che Google Wallet sono presenti solo nel territorio degli Stati Uniti, il primo sistema di pagamento in particolare è usato in circa duecentomila punti vendita che comprendono anche le catene di Subway e McDonads. Il sistema però è utilizzabile sono con Android e Windows Phone mentre iOS non ha permesso di rilasciare una versione, Google Wallet invece ha la sua versione iOS, ma non riesce ad espandersi quindi Softcard potrebbe essere la soluzione per rinnovare il servizio e aggiornalo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *