Xiaomi Redmi 1S: è stato rilasciato il codice sorgente

Buone notizie per tutti i possessori dello Xiaomi Redmi 1S in quanto da oggi potranno sfruttare tutte le potenzialità del loro smartphone grazie all’azienda cinese. Nelle ultime ore infatti, Xiaomi ha rilasciato il codice sorgente del kernel relativo al dispositivo che probabilmente ha riscosso il maggior successo a livello mondiale.

Xiaomi Redmi 1S

 

Per chi non lo sapesse il codice sorgente del kernel fa riferimento a tutte le informazioni hardware e software utili per modificare il dispositivo. In parole povere racchiude in se tutti i driver e le parti di codice per poter sfruttare tutte le componenti di un dispositivo. Chi conosce il Modding android sa bene che questo tipo di rilascio da parte del produttore si traduce in un aumento del numero di ROM custom disponibili per il dispositivo, in quando nel codice sorgente del kernel sono contenute le info necessarie per far funzionare per esempio la fotocamera, la parte radio, il Dual Sim , l’ NFC ecc…Senza codice sorgente, i vari sviluppatori si possono basare su sorgenti “generici” e questo ovviamente comporta malfunzionamenti o comunque instabilità al sistema modificato.

Con il rilascio di tali sorgenti invece molti bug presenti sulle rom modificate verranno sicuramente risolti. Una buona notizia quindi per tutti coloro che amano il modding, e ad annunciarlo sono stati i rappresentati a livello globale, dell’azienda Xiaomi stessa, ovvero Donnovan Sung e Hugo Barra. Durante la giornata di ieri infatti, i due dirigenti Xiaomi hanno annunciato il rilascio del codice sorgente del kernel dello Xiaomi redmi 1S sotto licenza GPL. 

Presto assisteremo a un gran numero di ROM custom, per esempio su forum di spicco come XDA e a numerosi Kernel modificati e ottimizzati per lo Xiaomi redmi 1S. Per chi volesse sviluppare una ROM , il codice sorgente è reperibile sul sito GitHub a questo indirizzo. Divertitevi e buon Modding a tutti!

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *