Brevettato il lettore di impronte digitali sul display

Il lettore di impronte digitali (conosciuto anche come “Fingerprint scanner”) posto direttamente sul display degli smartphone potrebbe essere una delle novità di rilievo che caratterizzeranno i prossimi prodotti in uscita. Secondo quanto riportato infatti dalla redazione di PhoneArena, il colosso coreano biometrico “CrucialTek” ha di recente ottenuto l’approvazione del brevetto della tecnologia di rilevamento delle impronte digitali collocato sullo schermo del device. Una novità dunque sostanziale, in luogo a quanto occorso finora là dove il lettore di impronte digitali viene integrato sul tasto hardware – vedi Note 4, Galaxy S5 ma anche iPhone 5S e 6 – permettendo così anche un’implementazione della detta feature in modo disgiunta rispetto alla necessaria presenza del tasto fisico.

lettore di impronte digitali

In passato si era ipotizzato un utilizzo così circoscritto del lettore di impronte digitali, specie in riferimento al Galaxy S5 e Note 4 ma sappiamo come invece la realtà sia ben diversa. Anche per il nuovissimo Galaxy S6, in debutto il prossimo 1 Marzo nella location del Mobile World Congress si sia paventata una soluzione del genere, smentita poi da rumors e, soprattutto, dalla moltitudine di immagini trapelate nel corso di questi mesi.

In un’intervista rilasciata da CrucialTek emerge come alcuni dei prossimi devices che saranno lanciati in questo primo trimestre del 2015 implementeranno un lettore di impronte digitali collocato direttamente sul display. Il riferimento, a detta della sopramenzionata fonte, potrebbe andare al nuovissimo Meizu MX5 che dovrebbe presentare delle specifiche hardware di rilievo. Certo è che questa implementazione porterà in dote diversi benefici, tra i quali anche estetici e di portabilità. Si pensi ad esempio al fatto di rimuovere il tasto hardware con la conseguenza, non secondaria, di ridurre quelle enormi cornici che hanno caratterizzato gli ultimi devices con a bordo un lettore di impronte digitali. Staremo a vedere dunque quale produttore implementerà per primo la detta features passando dalla speculazione alla pratica.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *