Next Lock Screen per Android si aggiorna

Next Lock Screen è uno dei progetti che Microsoft ha orchestrato nell’alveo delle applicazioni targate Android e, nello specifico, legate al mondo della produttività: dati alla mano, il disegno del brand di Redmond ha riscosso un discreto successo generale, a fronte di un rating decente maturato sul Google Play Store.

Per chi non lo conoscesse, Next Lock Screen consente di avviare in via del tutto rapida le applicazioni preferite e, per converso, tutte le informazioni utilizzate maggiormente. Dispone altresì di un calendario integrato, messaggi di testo, chiamate perse, mail e moltro altro ancora. Tra le funzioni più particolari, vale la pena citare la possibilità di effettuare chiamate in conferenza senza dover esser costretti a sbloccare lo smartphone.

Next Lock Screen

Un applicazione completa, che Microsoft ha puntualmente aggiornato con una nuova release, rilasciata proprio in queste ultime ore: Next Lock Screen consente adesso di impostare un PIN – o comunque una sequenza di blocco – al fine di impedire l’accesso indesiderato. Una feature di tutto rilievo, che fa il paio con quella auspicata da alcuni utenti – come è d’altronde possibile leggere tra la sfilza di recensioni rilasciate sul Google Play Store – e nello specifico legata al mancato sblocco del device qualora accorressero eventuali ed accidentali tocchi al tasto home. Naturalmente, Microsoft ha corretto alcuni bugs palesatisi nelle precedenti versioni, oltre che focalizzato ad una maggior ottimizzazione delle prestazioni. L’applicazione supporta infine tre lingue: inglese, spagnolo e cinese (mandarino).

Next Lock Screen alberga, insieme a Picturesque, nel novero delle app che Microsoft ha voluto inserire nel panorama di Android. Se siete curiosi di provare l’applicazione o, più semplicemente, vorrete aggiornarla alla nuova versione (2.0.11366), potrete cliccare qui per scaricarla in via del tutto gratuita. Per quanto concerne la compatibilità, Next Lock Screen richiede un device con a bordo Android versione 4.0 e superiori.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *