Project Ara: ecco un video che mostra i vari moduli e il funzionamento!

Project Ara è senza dubbio uno dei progetti Google X più interessanti e innovativi che molti appassionati aspettano da tempo. Sebbene un primo prototipo di Project Ara ha superato l’animazione di boot entrando in maniera perfetta in Android Lollipop, molti dubbi avvolgono ancora gli appassionati di questi progetto, come una cover che contenga il tutto, se i moduli sono ben saldi e come funzionerà l’attacco e lo smontaggio degli stessi a telefono acceso.

Project Ara

Bene a tutte queste domande ci risponde oggi un responsabile Google, che come potete vedere dal video, mostra come fanno i vari moduli a comporre lo smartphone modulare e come funziona in maniera egregia il tutto. Sapete già da tempo che i vari moduli si “attaccano” in maniera ben salda al corpo del dispositivo tramite dei magneti posti su ciascuno di essi. E proprio grazie a questi magneti lo smartphone modulare si manterrà ben saldo, si ma quanto? questo non ci è ancora dato saperlo, in quanto non sappiamo se alla sua caduta perderemo tutti i pezzi in una sorta di lego o se la stessa Google inventerà una sorta di cover per tener fisso il retro dello smartphone.

Ritornando al video, esso vi mostra come è possibile scambiare in maniera facile e veloce un modulo del dispositivo, magari c’è chi preferirà avere 1Gb di RAM in più e chi una batteria più potente. Chi monterà una fotocamera da 20Mpx e chi qualche giga in più! insomma la bellezza di Project Ara sarà proprio questo, adattare lo smartphone al nostro piacimento, senza preoccuparci di cambiarlo ogni 4-5 mesi, potenziandolo ( o depotenziandolo ) all’occorrenza per avere un dispositivo sempre nuovo ed aggiornato.

Non sappiamo quanto Google deciderà di mettere in commercio il tutto, ma molte aziende di tecnologia si sono mosse per affrettare i tempi e commercializzare i primi moduli compatibili con Project Ara ( vedi Toshiba ) come la fotocamera, i display, la RAM ecc… E voi quanto state aspettando Project Ara?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *