Rilasciata la Paranoid Android 5.0 Alpha 1: prima release Lollipop del team

Come ben sapete nel mondo del modding esistono tantissimi team che giorno dopo giorno sfornano le proprie creature chiamate Custom ROM nonché delle versioni di Android modificate nella quale è possibile fare operazioni che non sono possibili nelle versioni originali. Uno di questi team, chiamato Paranoid Android, ha rilasciato la sua prima ROM basata sull’ultima versione del robottino verde, Android Lollipop.

paranoid

Ricordiamo che il team di Paranoid Android ha sempre sfornato ROM che non sono piene di features (come la CyanogenMod) ma ha proposto delle ROM che sono molto fluide e in esse contengono poche features ma molto importanti. Infatti, questa versione della Paranoid Android sono disponibili poche funzioni in più della versione originale di Android. Sintentizzando, ecco le i cambiamenti rispetto la versione stock di Android 5.0.2 Lollipop:

  • Versione basato dal codice originale del AOSP Lollipop 5.0.2;
  • Migliorato il codice delle notifiche Heads Up, con l’aggiunta dell’opzione per disabilitarle;
  • Aggiunto il Quick Unlock;
  • Esteso il power menu;
  • Il pannello del volume più animato grazie ai dettami del Material Design;
  • Da ora è possibile stoppare la notifica della chiamata mentre lo schermo è bloccato, con l’ausilio del bilanciere del volume;
  • Aggiunto il CM12 Theme Engine;
  • Fixati diversi problemi riscontrati nell’AOSP.

Per avviare la procedura d’installazione è necessario scaricare il pacchetto per il proprio smartphone (se supportato) a questo link e successivamente avviare i consueti wipe alla memoria interna e installare il pacchetto precedentemente scaricato. Naturalmente nè l’autore della news nè la redazione risponde ai possibili malfunzionamenti dei vostri terminali.

Inoltre nel comunicato, il team ha espressamente detto che questa versione Alpha della Paranoid Android è già stabile per l’uso quotidiano. Noi raccomandiamo questa ROM a chi è già esperto in questo campo. Seguiranno aggiornamenti.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *