Samsung Galaxy S6 Edge, specifiche confermate

Non è certo un mistero che il prossimo 2 Marzo, nella suggestiva cornice del Mobile World Congress, dovrebbe far debutto il Samsung Galaxy S6 Edge, una versione con display curvo – mutuata dalla più recente serie Note occorsa qualche mese addietro – che andrà dunque a far coppia con il più classico smartphone di punta di casa coreana.

La differenza del sopracitato modello riguarderà soltanto la presenza di due display curvi posti lateralmente sulla scocca del device – in ossequio, seppur con alcuni distinguo, con il Note Edge – mentre le specifiche hardware resteranno le medesime che caratterizzeranno il modello “di base”. In particolare, Samsung Galaxy S6 Edge, la cui sigla è stata identificata con SM-G925F, presenterà un processore octa-core Exynos 7420 a 64 bit – il primo con processo produttivo a 14mn – e 3 gigabyte di memoria RAM di tipo DDR4 (come il nuovissimo LG G Flex 2 presentato lo scorso mese). La versione del sistema operativo sarà Android Lollipop 5.0.2

Samsung Galaxy s6 Edge

A confermare il tutto è la presenza del device su GeekBench, i cui risultati orchestrati fanno dormire sonni tranquilli per tutto ciò che caratterizzerà la mera “forza bruta” dello smartphone. Samsung Galaxy S6 Edge ha infatti raggiunto, come visibile nell’immagine di cui sotto, un punteggio di 1492 in Single-Core e di 5077 in Multi-Core. Risultati che pongono il sopracitato device in testa alle classifiche degli smartphone top di gamma.

Samsung Galaxy S6 Edge

Potremmo aggiungere, altresì, che la TouchWiz ha subito alcuni accorgimenti in luogo alle precedenti versioni. Più nello specifico, non soltanto è stata alleggerita mettendo da parte le varie applicazioni che Samsung è solita installare di default nel proprio smartphone, ma presenta adesso una elaborazione a 64 bit conformemente con le specifiche hardware del nuovo processore che, come già chiaccherato precedentemente, vedrà in Samsung Galaxy S6 e Samsung Galaxy S6 Edge una soluzione proprietaria (l’Exynos 7420, come specificato sopra) a discapito del Qualcomm Snapdragon 810, pronto ad alimentare i device concorrenti.

 FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *