Vendite Smartphone 2014 e 2015: GFK ci illustra dati e tendenze

Insieme ai dati di IDC sulle vendite smartphone nei mercati cinesi escono anche i dati generali mondiali. L’azienda tedesca GFK ha pubblicato i dati delle vendite smartphone tra il 2013 e il 2014. Soltanto nello scorso anno, rilevano i ricercatori, sono stati venduti all’incirca 1,22 miliardi di smartphone, un numero maggiore rispetto al 2013 con una differenza che si stima nel 23% in più tra un anno e l’altro.

Nonostante ci sia la crisi mondiale, il mercato dei dispositivi sembra non presentare crepe ma solo dinamiche interne in continuo cambiamento. Le aziende produttrici di smartphone e tablet superano nei numeri di vendite quelli delle aziende e produttori di soli computer, desktop e notebook.

Phone Arena

Queste si sono dovute adeguare e se prima erano specializzate nel settore dei software e dei PC si sono dovute allargare nel nuovo settore. Lenovo ne è un un esempio, azienda che produce computer all’avanguardia anche convertibili, ha dovuto allargare la sua produzione anche verso il settore mobile. Nelle conferenze dell’IFA 2014 e del Ces 2015, molti colossi hanno dichiarato di puntare sia sulle tavolette che sugli smartphone e nì sui phablet che ancora sono un prodotto ibrido che non sa ancora come sopravvivere tra smartphone dallo schermo grande e tablet dallo schermo piccolo.

1 2 miliardi

Che cosa succederà nel 2015? Quale sarà la situazione globale delle vendite smartphone? Anche questi dati GFK e altri importanti enti hanno provato a fare delle stime. Secondo Kevin Walsh, Trend Analyst Director di GFK, le vendite smartphone 2015 supereranno i dati del 2014 e questo grazie ai prodotti di basso costo, l’elemento importante però è che c’è un mercato fiorente, quello dei paesi emergenti che sta scoprendo le potenzialità della società digitalizzata e quindi cerca smartphone e tablet a basso costo e soprattutto connessi. Quali saranno i numeri? per il 2015 saranno venduti ben 1,36 miliardi di smartphone che però non aumenteranno i numeri di fatturato e questa sarà un’altra dinamica che porrà degli interrogativi in questo settore di mercato che punta alla tecnologia avazata, che ha dei costi di produzione e risorse alte ma vede un’utenza e una clientela che vuole risparmiare senza perdere la qualità. Come si targhettizzeranno i colossi HiTech in questo complesso quadro di numeri e tendenze?

Fonte: PA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *