Display pieghevole sui device, Samsung ci prova

Gli smartphone con display pieghevole potrebbero certamente rappresentare la prossima tappa di avvicinamento verso qualcosa di nuovo ed innovativo rispetto al lavoro occorso finora dai vari produttori. Se ne parla invero già da diverso tempo ed in tal senso depongono gli sforzi che LG e Samsung hanno cercato di imbastire con alcuni dei loro prodotti: come non ricordare, su tutti, LG G Flex (giunto oramai alla sua seconda edizione), il device curvo e flessibile impreziosito da una cover auto-rigenerante, oppure Note 4 Edge e Galaxy S6 Edge, rispettivamente smartphone con uno e due display ai bordi del dispositivo. E se aggiungiamo che Samsung ha investito 13.8 miliardi di dollari in “Ricerca e Sviluppo”, come chiaccherato qualche giorno or sono, il puzzle dei devices caratterizzati da display pieghevole sembra bello e composto.

Display Pieghevole

A conferma di ciò sono alcuni e recenti rumor secondo cui Samsung starebbe lavorando in gran segreto su un dispositivo veramente flessibile. Una domanda di brevetto, depositata nel secondo quarto del 2014 e solo recentemente pubblicata da USPTO, conferma come il colosso coreano sia al lavoro su uno smartphone dotato non soltanto di display pieghevole, ma altresì di una struttura flessibile e, dunque, in grado di sopportare qualsiasi tipo di flessione. L’immagine del brevetto, postata da PatentlyMobile, mostra concretamente l’idea che Samsung vorrebbe traslare in realtà: il telaio del device, congiuntamente al display e batteria, sarà infatti pieghevole sia in un senso che nell’altro, donando al dispositivo la capacità di esser flessibile entro un certo raggio di curvatura.

Del resto, Samsung ci ha già mostrato con i suoi Note 4 Edge e Galaxy S6 Edge che realizzare pannelli flessibili non è certo un problema. L’inconveniente, che potrebbe dunque dilatare il tempo di presentazione ufficiale di questi nuovi device, sarebbe quello di armonizzare l’intero hardware conformemente all’esigenza di flessibilità. Un passo obbligato, cui verosimilmente dovranno seguirne degli altri: USPTO dovrà infatti dapprima concedere il brevetto a Samsung affichè il colosso coreano possa mettersi all’opera. Vedremo quanta acqua sotto i punti dovrà passare prima di vedere smartphone con display pieghevole. Certo è che l’idea stuzzica parecchio e speriamo che possa presto trasformarsi in realtà.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *