Ecco come Waze diventa una Google app

Da oggi Waze, l’applicazione acquistata da Google nel 2013, entra a far parte del pacchetto di app Google Mobile Services, ottenendo così la possibilità di essere scelta tra le applicazioni Google che gli OEM possono decidere di pre – installare sui propri terminali. Waze continuerà però a rimanere un’applicazione indipendente e smentisce possibili voci riguardo a una sua integrazione con Google Maps.

Waze

 

Una scelta apprezzata per gli automobilisti: possono affidarsi ai suggerimenti in tempo reale sul traffico o su incidenti. Secondo Julie Mossler, portavoce dell’app, questo passaggio di Waze a Google fa sì che venga promossa la sicurezza sulle strade, dando la possibilità ai gestori telefonici e OEM di aiutare i mercati locali a trasformarsi in città connesse.

Questo programma connette più di 20 città, forze dell’ordine e dipartimenti di trasporto attraverso la condivisione e a costo zero. Inoltre, la facilità d’accesso a Waze da parte degli utenti, incrementa le informazioni offerte, divulgando ciò che accade su strada in tempo reale. Come infine aggiunge Julie Mossler: “Se un OEM o un gestore di telefonia preinstalla Waze sui propri dispositivi, una parte significativa della popolazione potrebbe immediatamente avere accesso alle informazioni su strada. Ciò rappresenta una grande opportunità per migliorare l’efficienza delle città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *