Nuovo iPhone 6C, rumors sempre più insistenti

Nuovo iPhone 6C all’orizzonte? Sembrerebbe sia così, giacchè i rumors messi in atto nel corso di questi mesi hanno ritenuto plausibile ed assai probabile un ritorno al passato da parte dell’azienda di Cupertino. Con buona pace di chi, in luogo all’ampiezza del display o di materiali tanto nobili, predilige compattezza, portabilità e colori vivaci come fattori preponderanti nella scelta di uno smartphone. La voce, circolata in passato, si fa dunque sempre più insistente, tanto da venir corroborata da nuove indiscrezioni lanciate in queste ultimissime ore.

iPhone 6C

un nuovo iPhone 6C andrebbe così a rimpinguare il portfolio di devices di Apple che, per contro, potrebbe esser più nutrito del solito in questo 2015. Sembrerebbe infatti che possano esser addirittura tre i nuovi smartphone che il brand di Cupertino lancerà entro la fine di quest’anno (presumibilmente a Settembre, costumanza degli ultimi anni), tra i quali spicca per l’appunto la presenza di un device connotato dalla dimensione del display più ridotta (4 pollici) e, naturalmente, colorato. Dopo un anno di assenza, potrebbe dunque tornare in pista la variante “C” lanciata da Apple in occasione di iPhone 5S, con tanto di critiche e timidi apprezzamenti, mai tuttavia convinti per via di un prezzo fin troppo salato rispetto alle caratteristiche tecniche del device (ricorderete troppo simile al vecchio iPhone 5).

Secondo la detta fonte, iPhone 6C, iPhone 6S e iPhone 6S Plus saranno dotati di un display LTPS prodotto da Japan Display, Sharp e LG. Tutti i devices accoglieranno la feature del Gorilla Glass, NFC ed impronte digitali. La differenza potrebbe tuttavia esser nel processore, perseguendo una strada già tracciata due anni or sono: iPhone 6C potrebbe esser infatti equipaggiato dall’Apple A8 (lanciato quest’anno con i nuovi meladevices), mentre iPhone 6S e iPhone 6S Plus accoglieranno il nuovo A9. Il tutto senza trascurare le dimensioni del display: 4 pollici iPhone 6C, 4.7 iPhone 6S e 5.5 iPhone 6S Plus. Tre tagli, tre differenti target di utilizzo e di utenza.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *