Samsung Galaxy S6, potrebbero essere 46 milioni le unità vendute

Samsung Galaxy S6 è sicuramente il device cui il colosso coreano ha dedicato maggiormente l’attenzione nel corso di questi mesi. Stiamo parlando, senza dubbio alcuno, di uno dei più attesi smartphone top di gamma del 2015, ma anche, per contro, di un prodotto che potrebbe risollevare il quantitativo di vendite di Samsung, in flessione durante l’ultimo periodo. A tale stregua possono leggersi, tra le righe, quei 13.6 miliardi di dollari che il brand coreano ha investito in “Ricerca e Sviluppo”, con l’obiettivo di produrre un device, il Samsung Galaxy S6 (nelle sue due declinazioni “Flat” ed “Edge), capace di portar in dote una moltitudine di novità sia a livello estetico che di mera forza bruta, e conseguentemente far registrare numeri importanti in chiave di vendite globali.

Samsung Galaxy S6

Le aspettative che l’azienda sita in Corea del Sud nutre nei confronti del suo più recente lavoro sono dunque alte, giacchè un analista CityBank ha ritoccato verso l’alto l’asticella delle azioni Samsung in vista dell’incremento di vendite previste per il Samsung Galaxy S6. Secondo alcune stime tratte dalla sopracitata banca, è possibile che il brand coreano possa spedire 46 milioni del sopra menzionato device nel corso del 2015, di cui ben 8 a partire dalle primo mese di vendita (Aprile). Si tratta dunque di conferme circa il successo che Samsung Galaxy S6 ha iniziato a raccogliere sin dagli albori di presentazione ufficiale, contraccambiate dall’aspettativa di Samsung di vendere 50 milioni di Galaxy S6 Flat in tutto il 2015, di cui 10 relativamente alla variante Edge.

Henry H Kim, cui va attribuita la paternità di questa ricerca, prevede inoltre che il successo di Samsung Galaxy S6 possa far da traino anche nei riguardi di altre componenti che caratterizzano il marchio, tanto da parlare di “effetti positivi a catena sulla vendita di memorie DRAM/NAND e display AMOLED”. Vedremo se, come sempre, le aspettative saranno corrisposte da una percentuale di vendite importante.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *