Smontare Samsung Galaxy S6 non sarà (così) difficile

Smontare Samsung Galaxy S6 potrebbe (apparentemente) esser un problema, alla luce della scocca unibody priva della possibilità di accedere manualmente al vano batteria grazie alla cover posteriore rimuovibile. Già, perchè nel novero delle novità che il nuovo top di gamma di casa Samsung ha mostrato al pubblico, possiamo certamente ascrivere anche quella appena menzionata. Una mossa, quella del colosso coreano, in controtendenza con la filosofia del brand e, più in generale, con quanto gli altri produttori hanno implementato nei propri portabandiera (si pensi, ad esempio, ad LG G3 che tra le features aveva introdotto la possibilità di rimuovere la backcover posteriore). Ad ogni modo, sostituire manualmente la batteria sarà certamente una operazione più complessa rispetto a quanto occorso in passato, e pertanto vale la pena, oggi più che mai, focalizzare l’attenzione su ciò che caratterizzerà all’interno il nuovo devices di Samsung.

Smontare Samsung Galaxy S6

Uno studio ad hoc messo in atto dal sito cinese Myfixguide ha permesso di metter in chiaro alcune cose. Innanzitutto, smontare Samsung Galaxy S6 non sarà così difficoltoso rispetto a quanto si possa immaginare. L’unico ostacolo è rappresentato certamente dal primo passaggio, per inciso quello concernente la rimozione della cover posteriore, incollata tramite apposito adesivo alla scocca del device. Un utilizzo prolungato per 2-3 minuti di un phon o più in generale di una pistola ad aria calda dovrebbero esser sufficienti per poter procedere senza intoppi e consentirci dunque di accedere a ciò che caratterizzerà l’interno del nuovo Galaxy S6.

Per rimuovere la batteria, dovremo dapprima svitare tramite cacciavite la scheda madre e rimuovere il chip NFC, così da accedere al vano e rimuoverla. Samsung Galaxy S6 contiene un’unità da 9.82wh 2550mAh Li-on 3.85v e soltanto il tempo (ed appositi approfondimenti che verranno analizzati in sede di recensione) ci dirà se la batteria sarà in grado di portarci a fine giornata. Per il momento i dettagli sono questi, giacchè non sono emerse altre particolarità cui ciò nonostante verranno da qui a breve scandagliate sul web. Ma una cosa è importante dopo aver (brevemente) parlato di come smontare Samsung Galaxy S6: secondo quanto riportato da Myfixguide, il nuovo top di gamma a firma Samsung sembra assemblato bene. Basta questo per il momento.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *