Windows 10 per PC: chiarimenti sull’aggiornamento per le versioni pirata

Windows 10 per PC: chiarimenti sull’aggiornamento per le versioni pirata. Pochi giorni fa, il vicepresidente della sezione Windows di Microsoft, Terry Myerson, aveva annunciato la possibilità di aggiornamento a Windows 10 anche per chi possiede una copia non genuina. Ovviamente una notizia che ha destato scalpore, vista l’impervia lotta del colosso informatico verso la pirateria.

In realtà, sembrerebbe che il dirigente di Microsoft abbia voluto usare quelle parole per ottenere un impatto notevole sulla stampa, ma la realtà dei fatti sarebbe, in parte, differente. Alcuni portavoce dell’azienda hanno infatti precisato che, nonostante anche per i pirati l’aggiornamento non sia a pagamento, le installazioni avvenute da copie non genuine non riceveranno supporto ufficiale da parte di Windows.

windows10

 

Ora il nodo da sciogliere è questo: cosa si intende per mancanza di supporto? L’impossibilità di ricevere assistenza o, cosa ben più grave, non ricevere gli aggiornamenti per la sicurezza ufficiali di Microsoft? Negli anni scorsi questo non è mai successo: Windows rilascia costantemente aggiornamenti di sicurezza anche per le versioni pirata.

Altri informatori chiariscono cosa succederà aggiornando una versione non originale di Windows: se la copia è etichettata come non genuina, anche dopo l’update continuerà ad essere considerata tale. Di conseguenza, non essendo riconosciuta direttamente da Microsoft, probabilmente non riceverà gli aggiornamenti di sicurezza o avrà delle limitazioni.

Windows-10

Tutto questo rientra in un’ottica ben precisa: lo scopo dell’azienda è rendere consapevoli gli utenti di cosa voglia dire usare una copia originale Microsoft. Quindi tutti potranno aggiornare il proprio PC ma chi possiede una licenza autorizzata avrà dei ‘privilegi’, com’è giusto che sia. Microsoft ha comunicato che fino al momento della presentazione tutti i dubbi verranno chiariti, ma la nostra impressione è che anche il nuovo sistema operativo sarà oggetto di ‘lavoro’ per pirati informatici. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *