Alternative Apple Watch: Samsung Gear S, Moto X 360 e altri!

Alternative Apple Watch: Samsung Gear S, Moto X 360 e altri! L’Apple Watch ha fatto il suo ingresso nel mercato ufficialmente ieri ma, per ora, i più appassionati tarderanno a toccarlo con mano. Infatti, anche chi ha preordinato il nuovo indossabile Apple dovrà attendere gli inizi di giugno, mese in cui inizieranno le spedizioni; anche chi invece vorrà comprarlo direttamente in un Apple Store dovrà attendere i primi mesi estivi.

Dato il prezzo non proprio ‘alla portata’ di tutti, è iniziata già la caccia alle alternative migliori e noi ne abbiamo scelte cinque, tra le migliori in circolazione. Prima di iniziare, tra i cinque smartwatch che vedrete solo il Pebble Time Steel è compatibile con iPhone mentre tutti gli altri supportano Android come OS.

LG Watch Urbane

lg-watch-urbane-14 (FILEminimizer)

Partiamo con LG Watch Urbane, una delle migliori scelte per quanto riguarda gli indossabili Android. Presentato ufficialmente nel febbraio 2015, dispone di un display P-OLED da 1.3″ con una risoluzione di 320 x 320 pixel, un processore Qualcomm Snapdragon 400, 512 MB di RAM, 4 GB di memoria interna e una batteria da 410 mAh. Dispone anche di un rilevatore di frequenza cardiaca ma, piccola pecca, non supporta la ricarica wireless.

Nonostante la parte ‘interna’ non sottovalutabile, è l’esterno che lo rende una delle migliori alternative di Apple Watch. La scocca in acciaio inox lo rende molto simile ad un orologio tradizionale; in aggiunta, dispone di un cinturino in pelle che è possibile sostituire con un qualsiasi cinturino da 22 mm. Il prezzo non è ancora stato reso noto, ma presto LG rilascerà maggiori informazioni.

Pebble Time Steel

pebble-time-steel-09 (FILEminimizer)

Di recente Pebble ha rivisitato il suo repertorio di smartwatch introducendo due nuovi modelli, ma il vero gioiellino resta il Pebble Time Steel. Come si evince dal nome, la scocca è realizzata completamente in acciaio inox; il display da 1.25″ non trasmette molta ‘fiducia’ in termini di vivacità di immagine ma il basso impiego di energia permette una durata della batteria maggiore, fino ad una settimana.

Per di più, il display non va mai in stand-by ma resta sempre attivo. Come abbiamo visto per il modello precedente, anche qui non troviamo la ricarica wireless, ma neanche il rilevatore di frequenza cardiaca (che invece c’è nell’LG Watch Urbane).

Il Pebble Time Steel funziona sia con iPhone che dispositivi Android. E’ dotato di un cinturino in vera pelle o in acciaio, ma qualsiasi cinturino da 22 mm è compatibile. Sarà disponibile da luglio ad un prezzo di 300$.

Motorola Moto 360

moto 360

Il Motorola Moto 360 è stato uno degli smartwatch più influenti dello scorso anno, ma non ha smesso di fare il suo ‘dovere’ in modo ottimale. Dispone di un display da 1.56″ LCD con una risoluzione di 320 x 290 pixel, un processore Texas Instruments 3 OMAP con 512 MB di RAM e 4 GB di memoria interna.

A differenza dei due precedenti, il Moto 360 supporta la ricarica wireless ed è presente anche il cardiofrequenzimentro.

La durata della batteria (all’incirca un giorno) è la stessa dell’Apple Watch. Il cinturino è disponibile sia in pelle che in acciaio (quest’ultimo con un supplemento di 50$) ma un qualsiasi cinturino da 22 mm va bene. Il prezzo parte da 165$.

Sony Smartwatch 3

sony_smartwatch_3-5 (FILEminimizer)

Anche lo smartwatch di casa Sony è entrato a far parte di questa lista dei ‘migliori’ nel settore. Il display di cui dispone è da 1.6″ con una risoluzione di 320 x 320 pixel. Il processore è Qualcomm Snapdragon 400 da 1.2 GHz con 512 MB di RAM e dispone di 4 GB di memoria interna.

Dai test effettuati, la batteria durerebbe 2 giorni e come sistema operativo usa Android Wear. La scocca, come per gli altri, è completamente in acciaio; il cinturino, inizialmente in silicone, è stato sostituito da uno, più elegante, in acciaio inox (con un supplemento di 50$). Non presenta ne ricarica wireless ne cardiofrequenzimetro ma è dotato di un sensore GPS e presenta la certificazione IP67 (resistente ad acqua e polvere). Ufficialmente è entrato in commercio a fine 2014 con un prezzo di 250$ (per la versione con il cinturino in acciaio aggiungere 50$).

Samsung Gear S

gear-s-black (FILEminimizer)

Se siete indirizzati verso uno smartwatch che non sia l’Apple Watch ma che possa effettuare chiamate vocali, siete nel posto giusto. Il Samsung Gear S, infatti, è capace di effettuare chiamate vocali anche se è necessario l’accoppiamento con uno smartphone. Usa sistema operativo Tizen, quindi la scelta di app è abbastanza ristretta ma…questo è il male minore: la pecca più grande è che funziona solo se abbinato con un dispositivo Samsung Galaxy con Android 4.3 o successivo.

Come display, ne presenta uno da 2″ con 360 x 480 pixel di risoluzione che, nonostante le soddisfazioni in termini di qualità delle immagini, può risultare troppo grande al polso. Il processore è un dual-core Exynos con 512 MB di RAM che si va ad aggiungere alla memoria interna da 4 GB.

Per quanto riguarda l’estetica, presenta un cinturino in silicone con una cinghia metallica: a differenza degli altri modelli, non è possibile sostituire il cinturino perchè il design è proprietario. Dispone di una radio GPS e cardiofrequenzimentro: manca la ricarica wireless ma il problema può essere risolto utilizzando la docking cradle. Il prezzo è di 299$.

2 commenti

RSS Feed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *